Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Reddito di cittadinanza: sette regioni lo hanno già introdotto e finanziato

Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Molise, Puglia e Valle D’Aosta sono già avanti con questa misura per combattere la povertà. Che cosa aspettano le altre regioni?

Condivisioni

REGIONI CON REDDITO DI CITTADINANZA

Mentre a livello nazionale se ne parla, senza mai decidere nulla, a livello locale, sette regioni italiane e due province autonome hanno già introdotto il reddito minimo a favore delle famiglie più povere. Con diverse definizioni: reddito di inserimento, reddito di garanzia, reddito di dignità.

LEGGI ANCHE: Avanti! Chiediamo il reddito di cittadinanza per i più poveri. I soldi ci sono

REDDITO DI CITTADINANZA IN ITALIA: ECCO DOVE

Ma vediamo nello specifico. Da ottobre scorso, la Lombardia ha previsto un assegno per i disoccupati da tre anni: un contributo di 1.800 euro in sei mesi, per favorire l’inserimento lavorativo. Reddito minimo di cittadinanza in Molise, a residenti con Isee fino a 3mila euro: l’aiuto è di 300 euro al mese. Stesso meccanismo in Puglia, con aiuti da 210 a 600 euro mensili, a secondo del numero dei componenti del nucleo familiare. La soglia Isee sale a 6mila euro in Valle d’Aosta, dove dal 4 novembre scorso è stata approvata una legge regionale per un aiuto fino a 4.400 euro versati in rate mensili. Un aiuto, sotto forma di indennità di partecipazione, è previsto nella regione Lazio ai disoccupati over 30 di lunga durata. Anche in Friuli Venezia Giulia il reddito minimo è scolpito in una legge regionale, con un importo massimo di 550 euro al mese. E in Basilicata si calcolano 8mila beneficiari del reddito minimo di inserimento per disoccupati da oltre 24 mesi e per nuclei familiari con Isee non superiore ai 9mila euro. C’è da aggiungere che tutti gli stanziamenti delle sette regioni sono finanziati attraverso il rubinetto del Fondo sociale europeo.

PROVINCE CON REDDITO DI CITTADINANZA

Anche in due province, Trento e Bolzano, esiste il reddito minimo: 950 euro al mese, tetto massimo, a Trento (il beneficiario è tenuto ad accettare qualsiasi offerta di lavoro), e 600 euro per una persona e 785 per una famiglia con due componenti a Bolzano.

PER APPROFONDIRE: Reddito di cittadinanza, serve se vogliamo davvero combattere la povertà

LEGGI ANCHE: