Avanti! Chiediamo il reddito di cittadinanza per i più poveri. I soldi ci sono

Avanti! Chiediamo il reddito di cittadinanza per i più poveri. I soldi ci sono
di
Condivisioni

La fame e la povertà si soffrono anche in Italia. Statistiche Istat ci avvisano che la quota della popolazione colpita dalla povertà è, per la prima volta negli ultimi anni, stabilizzata al 6,8%, dunque non cresce, ma è comunque il doppio rispetto al livello del 2007, il 3,1% alla vigilia dell’esplosione della Grande Crisi. La novità sta nel fatto che la povertà avanza trasversalmente, non è più abbinata a specifici gruppi sociali (le famiglie numerose o quelle dove entrambi i coniugi sono disoccupati) o ad alcune parti del territorio (le regioni meridionali). Il Paese che sta uscendo dalla Crisi, numeri alla mano, è “più povero, con famiglie più povere”, avverte don Francesco Soddu, direttore della Caritas Italiana.

LEGGI ANCHE: La nonnina che lasciò tutto ai bambini poveri della sua città. La storia di Lorenza Frattini

REDDITO MINIMO DI CITTADINANZA ULTIME NOTIZIE -

Non bisogna restare annichiliti e sgomenti: da questa situazione è possibile uscirne, e le proposte per venirne fuori ci sono eccome. Una viene da Tito Boeri, presidente dell’Inps: suo è il piano che, se passasse, potrebbe rivoluzionare l’impianto del nostro welfare. Reddito minimo ai poveri, con un assegno di 500 euro al mese, e tagli ai pensionati più ricchi (nello specifico, ricalcolo delle 250mila pensioni superiori ai 5mila euro lordi, prelievi sui 4mila percettori di vitalizi a vario titolo, riduzione dell’assistenza ai nuclei familiari più ricchi e decurtazione dell’assegno mensile per chi sceglie di lasciare prima il lavoro).

LEGGI ANCHE: I ristoranti solidali che aiutano i poveri della zona a sfamarsi

REDDITO MINIMO DI CITTADINANZA -

E non mancano regioni d’Italia dove si sono già mossi i primi passi concreti: come sempre le scosse, e il vero cambiamento, arrivano dalla periferia e dalle amministrazioni locali. In Puglia il governatore Michele Emiliano ha fatto una scelta coraggiosa, senza aspettare imput da roma: 60mila cittadini della regione potranno ricevere un reddito di dignità, equivalente in concrteto al reddito di cittadinanza, pari a un massimo di 600 euro al mese.

REDDITO MINIMO ITALIA -

E mentre la politica delibera con lentezza, la solidarietà prende corpi, nomi e volti: Marco Antonio Del Prete (Pd) è sindaco di Frattamaggiore, comune della città metropolitana di Napoli, dallo scorso giugno.Ha ha deciso di rinunciare a metà del suo stipendio, con una finalità precisa: destinarlo “a contrasto della povertà“. Jessica e Marco sono due giovani sposi di Cosenza che al banchetto nuziale hanno invitato 25 poveri della zona che di solito mangiano alle mense del Paradiso dei Poveri e dell’Oasi francescana. Per un giorno, gli ultimi sono diventati primi. I volontari che coltivano l’orto comunale di Montebelluna, 8mila metri quadrati, in provincia di Treviso, sono una quarantina. Ci sono 60 alberi da frutto, e i raccolti vengono distribuiti alle famiglie bisognose sul territorio. Tutto coltivato senza fertilizzanti chimici.