Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Recyclize, il divertente videogame che insegna ai bambini come fare la raccolta differenziata (foto)

L’invenzione è stata brevettata da un team di ragazzi under 35, tutti italiani. Nell’applicazione si vedono una serie di rifiuti che cadono dall’alto e devono essere inseriti nei bidoni giusti. Il senso civico si impara anche con il gioco

Condivisioni

APP RACCOLTA RIFIUTI

Nell’epoca dell’ibridazione uomo-macchina sempre più spinta, in cui i telefonini sono il prolungamento delle nostre mani, sono tanti le applicazioni e i progetti che coniugano il tempo trascorso a digitare sul touchpad con una finalità educativa ed etica. Una di queste, made in Italy, è l’app Recyclize, un vero e proprio videogame che insegna ai più piccoli la raccolta dei rifuti, con l’obiettivo di diffondere un approccio attento e consapevole nei confronti della differenziata e dell’ambiente.

LEGGI ANCHE: Ferrara, il cassonetto a calotta che ti fa pagare quanto butti. Smart e attento all’ambiente

RECYCLIZE APP RACCOLTA DIFFERENZIATA

Nata a Firenze da un’idea di un giovane under-30, Gregorio Manetti, Recyclize è la prima applicazione ludica sulla differenziazione dei rifiuti, che prende le mosse dall’ormai collaudato concetto di gamification: traducibile in italiano come “ludicizzazione”, si basa sul coinvolgimento attivo e partecipato di chi utilizza la app, e non è altro che l’utilizzo di elementi mutuati dai giochi in contesti differenti, anche molto lontani dal mondo del gioco.
La raccolta differenziata, così come la sensibilizzazione degli utenti e delle utenti al corretto smaltimento dei rifiuti, viene normalmente associata alle campagne di comunicazione sociale o istituzionale, ed è la prima volta che in Italia, si lega al tema rifiuti un vero e proprio gioco, destinato ai piccini. Ma anche ai grandi, con la stessa finalità educativa prima che ricreativa.

recyclize app raccolta rifiuti

Schermata di gioco

Il team di Recyclize, che nasce in ottica eclusivamente no-profit, è composto da sette giovani under 35 con la passione per la tecnologia e, ovviamente, per l’ambiente. Oltre a Gregorio, direttore artistico, fanno parte del team un programmatore (Carlos), un web designer (Giovanni), un game designer (Fabio), un esperto di diritto ambientale (Niccolò), un modellatore 3D (Riccardo) e un giornalista (Daniel).

Nel giugno 2018 è stata costituita un’associazione di volontariato, Verde Chiaro, che si occuperà di gestire il progetto Recyclize, affiancando all’applicazione una presenza capillare sul territorio  per rendere più incisiva l’azione di sensibilizzazione, prevedendo lezioni in aula nelle scuole ed iniziative sociali destinate ad un pubblico di grandi e piccini.

APP RECYCLIZE

Una primissima versione demo del gioco è uscita a maggio 2018 ed è disponibile gratuitamente su Google Play e App Store. L’applicazione, che è e resterà sempre gratuita, ha un funzionamento semplice e immediato: una serie di rifiuti che cadono dall’alto dovranno essere conferiti nei bidoni corretti. Vari livelli di gioco rendono il gioco competitivo e divertente.

La versione attualmente disponibile sugli store è giocabile e in continuo aggiornamento. I tecnici del team sono attualmente al lavoro su nuove funzionalità e una user experience migliorata, come ad esempio la possibilità di personalizzare l’esperienza di gioco a seconda del comune di residenza. I bidoni in gioco e il loro colore, per esempio, cambieranno in base al comune inserito in fase di registrazione.

Obiettivo del gioco è anche slegare la raccolta differenziata dall’idea di un qualcosa che va fatto per il solo motivo che sia la legge ad imporla. La app supporta il piano «rifiuti zero» già applicato con successo da diverse decine di amministrazioni comunali nel nostro paese, la cui raccolta differenziata è motivo di vanto sia sul piano economico che dell’efficienza dei servizi. Un cittadino più consapevole può esigere una maggior attenzione da parte delle autorità competenti e tramite le sue scelte di consumo influenzare le realtà economiche attive sul mercato, persuadendole ad essere più responsabili rispetto alla sostenibilità e al rispetto del nostro pianeta.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2018 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+

 

IN CONCORSO PER IL PREMIO NON SPRECARE 2018