Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Recupero del patrimonio edilizio: la torre medievale si trasforma in biblioteca

Lo studio di architettura CN10 ha recuperato la Torre del Borgo di Villa d'Adda in disuso trasformandola in una biblioteca civica

Condivisioni

RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO –

Da torre medievale in disuso a Biblioteca comunale. È la storia della Torre del Borgo, uno degli edifici fortificati più noti dell’area bergamasca. Si trova a Villa d’Adda, nell’omonimo comune che si trova sulla riva sinistra del fiume Adda, vicino alla Valle San Martino.

A occuparsi del progetto di restauro dell’edificio è stato lo studio CN10 dell’architetto Gianluca Gelmini. L’intuizione è stata quella di dare nuovo valore a questo simbolo del territorio puntando sul recupero degli spazi e su una loro maggiore funzionalità.

LEGGI ANCHE: Riqualificazione energetica degli edifici esistenti: la sfida di Rebuild 2015

IL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE –

La ristrutturazione è stata profonda a causa delle pessime condizioni in cui versava la struttura. L’intervento ha individuato le migliori soluzioni per risolvere i problemi di degrado e, al contempo, per dare maggiore funzionalità agli spazi.

PER APPROFONDIRE: Architettura sostenibile, a Milano il caso della Typho-House

Il progetto ha riguardato i dissesti strutturali, il recupero dei paramenti lapidei e l’installazione di nuovi impianti e serramenti. Punto focale del progetto è il sistema di rampe e passerelle, realizzate in ferro, che si pone come elemento d’unione tra i vari piani ed edifici. “La nuova scala rispetta pienamente la tipologia storica delle scale a rampa unica aperte direttamente sugli ambienti. Tale soluzione non altera né la lettura degli spazi né tanto meno la fruibilità degli stessi” ha dichiarato l’architetto. Tutto questo con l’obiettivo – raggiunto – di trasformare i diversi corpi di fabbrica in un unico complesso.

LEGGI ANCHE: Condominio condiviso: risparmiando mettendo in comune i servizi

Oggi il risultato è quello di poter fruire di quattro sale della torre centrale e degli spazi del nuovo corpo C destinati a servizi e distribuzione.