Questo sito contribuisce all'audience di

Raccolta differenziata dell’umido: come procedere in maniera corretta

Differenziare male i rifiuti umidi non solo è uno spreco ma anche un danno. Una buona raccolta permette infatti di ottenere un compost di qualità da riutilizzare come fertilizzante naturale. Ecco tutte le informazioni utili su cosa conferire e cosa non buttare nel sacchetto dell’umido.

Raccolta differenziata dell’umido: come procedere in maniera corretta
Raccolta differenziata dell'umido: come procedere correttamente
di
Condivisioni

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DELL’UMIDO -

Tanti ancora i dubbi con cui ci si scontra al momento della raccolta differenziata dell’umido, soprattutto se si vive in Comuni in cui non viene effettuata la raccolta porta a porta o in cui non vi sono indicazioni specifiche su come separare correttamente umido e indifferenziato.

COME FARE -

Il rifiuto umido è costituito da scarti alimentari e altri rifiuti facilmente biodegradabili. A volte però tendiamo a riunire in un unico sacchetto sia scarti organici che rifiuti non riciclabili e quindi da destinare al bidone dell’indifferenziato. Differenziare male i rifiuti umidi non solo è uno spreco ma anche un danno: in discarica producono gas e liquami pericolosi mentre nell’inceneritore bruciano con difficoltà dal momento che contengono un’elevata percentuale di acqua.

LEGGI ANCHE: Raccolta differenziata porta a porta, cos’è e come effettuarla correttamente

COSA METTERE -

Vediamo allora nel dettaglio, cosa conferire e cosa no nella raccolta differenziata dell’umido:

SI

  • Scarti di cucina
  • Avanzi di cibo anche crudi
  • Bucce della frutta e scarti della verdura
  • Alimenti scaduti o avariati
  • Scarti di carne e pesce
  • Gusci d’uovo
  • Fondi di caffè
  • Filtri del tè
  • Frutta secca e noccioli
  • Bastoncini in legno del gelato
  • Tovagliolini e fazzoletti di carta non colorati
  • Tappi di sughero
  • Terriccio
  • Cenere del camino
  • Fiori secchi
  • Escrementi di animali domestici
  • Lettiere naturali per animali domestici

NO

  • Liquidi (ad esempio olio vegetale)
  • Contenitori e imballaggi (ad esempio la bustina della mozzarella)
  • Gusci dei frutti di mare (ad esempio cozze e vongole)
  • Filtri dell’aspirapolvere
  • Piante malate
  • Legno trattato con sostanze chimiche
  • Assorbenti e pannolini per bambini
  • Carta oleata, plastificata o in alluminio
  • Mozziconi di sigarette

COSA SI RICAVA -

Una buona raccolta dell’umido permette di ottenere un compost di qualità da riutilizzare come fertilizzante naturale.

I VANTAGGI -

Vi ricordiamo che il compostaggio può essere effettuato facilmente anche a casa e che molti Comuni hanno stabilito degli sconti sulla tariffa della tassa sui rifiuti per i cittadini che portano avanti il compostaggio domestico.

I SACCHETTI -

In genere ogni Comune ha le proprie regole riguardo i sacchetti e le tempistiche per la raccolta dei rifiuti umidi che solitamente avviene in apposite buste in Mater-Bi, biodegradabili. Ricordate però che vi sono alcuni sacchetti che, anche se totalmente biodegradabili, non sono tuttavia compostabili.

PER APPROFONDIRE: Raccolta differenziata del vetro, ecco cosa inserire e cosa evitare

Ultime Notizie: