Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

I nonni adottati dai bambini della scuola primaria di Castiglione delle Stiviere. Tutto inizia da un libro (foto)

Il progetto nato in classe, durante la lettura del libro «Mio nonno era un ciliegio» di Angela Nanetti. Una volta alla settimana i piccoli alunni vanno a fare visita ai vecchi che vivono in una casa di riposo per anziani. E insieme giocano e si divertono.

Condivisioni

PROGETTI CON BAMBINI NELLE CASE DI RIPOSO

Si incontrano una volta alla settimana, bambini e anziani, e trascorrono del tempo in allegria. Sarebbe tutto normale se fossero nonni e nipoti. Invece no. A ricevere la visita sono gli ospiti di una casa di riposo e a fare loro visita sono i bambini della scuola primaria “Cesare Battisti” di Castiglione delle Stiviere (Mantova). Gli studenti di due classi, la quarta B e la quarta D sono orgogliosi quando parlano del progetto “Adottiamo un nonno”, grazie al quale hanno arricchito le giornate di un gruppo di anziani e lo “zaino della propria vita”.

LEGGI ANCHE: “Soli mai”, un gruppo di giovani volontari si prende cura degli anziani fiorentini

L’INIZIATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA CESARE BATTISTI DI CASTIGLIONE DELLE STIVIERE

L’idea è arrivata in classe. Durante la lettura del libro “Mio nonno era un ciliegio” della scrittrice Angela Nanetti, gli studenti e le insegnanti hanno pensato di fare qualcosa per gli anziani soli. Così, dal 13 marzo 2018 sono iniziati gli incontri settimanali con gli ospiti della casa di riposo «Fondazione Innocenza Zanetti e Angelo Cominelli». L’esperienza è durata fino al 29 maggio ma ha lasciato un segno indelebile nei ragazzi.

Nel libro, da cui è nata l’idea del progetto, la casa del riposo è descritta come “casa dei non colori” e l’obiettivo degli studenti è colorare le giornate degli anziani. I sorrisi, le risate e le attività “possono portare una ventata di allegria a queste persone tenendo lontana, almeno per qualche ora, la malinconia e la solitudine”. Così i ragazzi percepiscono il loro impegno.

PER APPROFONDIRE: Gli anziani e l’estate, non lasciamoli soli. Non è giusto e non è utile per nessuno (foto)

PROGETTI PER FAR SENTIRE MENO SOLI GLI ANZIANI

Una mattina, gli studenti della scuola primaria “Cesare Battisti” hanno accettato di scrivere un pensiero o una riflessione sul progetto. Uno di loro ha scritto: “Viviamo l’attesa del martedì come un giorno di festa. Non vediamo l’ora di incrociare i loro sguardi, di incontrare i loro sorrisi e il calore dei loro abbracci”. Ogni incontro è stato sorprendente perché “avviene uno scambio di ruoli”. I bambini si responsabilizzano mentre i nonni diventano “piccoli” imparando qualcosa dagli studenti, durante le attività. Un appuntamento che aiuta a crescere gli uomini e le donne di domani ma che, al tempo stesso, regala una grande armonia agli ospiti della casa di riposo. Uno studente, infatti, ha scritto: “Quando andiamo via si legge nei loro e nei nostri occhi tanta malinconia per il timore di non rivederci più, ma abbiamo la sensazione di regalare giorni in più alla loro vita”. Anche i nonni hanno apprezzato molto l’iniziativa e si augurano che il progetto vada avanti anche nei prossimi mesi, quando gli studenti ritorneranno tra i banchi di scuola. Grazie a questo progetto, infatti, la scuola è diventata un ponte tra due generazioni distanti, soltanto in apparenza, ma che in realtà hanno tanto da insegnarsi, a vicenda.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2018 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+

VIVA I NONNI: QUANTO CONTANO E QUANTO FANNO PER NOI