Questo sito contribuisce all'audience di

Sanità costosa, sprecona e inefficiente: così 10 milioni di italiani vi rinunciano

I risultati di un sondaggio sul campo dell'Istituto Demoskopika: aumentano le distanze tra gli ospedali del Nord, che funzionano bene, e quelli del sud, da dove i pazienti fuggono. E intanto il servizio sanitario costa quasi 2mila euro a cittadino.

Sanità costosa, sprecona e inefficiente: così 10 milioni di italiani vi rinunciano
Problemi della sanità in Italia
di
Condivisioni

PROBLEMI DELLA SANITÁ IN ITALIA -

Alla fine si sono arresi. E non sono certo una sparuta minoranza di cittadini indignati o arrabbiati che pensano di vivere in Svizzera e invece sono in Italia. No, si tratta di 10 milioni di uomini e donne, italiani doc, che hanno semplicemente rinunciato a curarsi, nel 2016, negli ospedali del Paese. I motivi? Essenzialmente due: non ne possono più delle liste d’attesa che sono bibliche e spesso incompatibili con i rischi della propria patologia, non si fidano del sistema sanitario nella loro regione, e preferiscono emigrare. Anche all’estero, pur di fuggire da un ospedale italiano. Oppure rinunciano del tutto alle cure.

LEGGI ANCHE: Sanità corrotta, in Italia si ruba in una Asl su tre. E il 77 per cento dei manager lo sa

EFFICIENZA SISTEMA SANITARIO ITALIANO: I DATI DELL’ISTITUTO DEMOSKOPIKA -

Questi dati, che arrivano  da una ricerca sul campo dell’Istituto Demoskopika, ci aiutano a capire quanto costa, e quale spreco rappresenta per l’intero Paese, la parte marcia della sanità pubblica. Infatti, basta andare a leggere l’indice di soddisfazione (con base di valutazione 100) dei residenti nelle varie regioni, per capire al volo un’ingiustizia che purtroppo sta aumentando e non certo diminuendo: in media, al Nord, gli ospedali funzionano; in media, al Sud, il funzionamento degli ospedali grida vendetta. Da una parte abbiamo il Piemonte, dove l’indice di soddisfazione degli utenti ha superato quello del Trentino Alto -Adige, ed è oltre il livello 85, al polo opposto continua a precipitare la Calabria, dove l’indice di soddisfazione (ma ha ancora un senso definirla tale?) non arriva a 25 punti. Da una parte tutte le regioni del Nord, piazzate ai primi posti della classifica; dall’altra, tutte le regioni del Sud, e il Lazio, che invece formano il gruppo delle regioni dalle quali è meglio fuggire.

Domanda, per i lettori e per il ministro Beatrice Lorenzin che non perde un’occasione per fare del facile e demagogico trionfalismo sul servizio sanitario italiano: ma quanto potrà andare avanti un Paese così spaccato in termini di qualità dell’assistenza sanitaria? Quale futuro ha l’Italia dove se vivi a Milano non hai problemi ad entrare in un ospedale ed hai una ragionevole certezza di essere ben curato, ma se hai la sventura di risiedere a Crotone, sei semplicmente fregato e devi solo farti il segno della croce o rinunciare alle cure?

PER APPROFONDIRE: Sanità in Calabria, sette anni di commissari. Tutti sprecati. Intanto hanno assunto 800 medici per 350 posti letto

DISSERVIZI SISTEMA SANITARIO NAZIONALE -

La ricerca di Demoskopika ci dice anche un’altra cosa inquietante: gli sprechi, nel sistema sanitario italiano, non diminuscono, ma al contrario aumentano e cresce quella che viene definita “l’area dell’inefficienza”. Spendiamo troppi soldi per i manager sanitari, che talvolta sono i primi responsabili del disastro; abbiamo ancora tanti ospedali troppo piccoli e non sicuri, che stanno in piedi solo per dare posti e incarichi; c’è troppa corruzione nelle forniture e negli appalti. E intanto ogni italiano, in media, spende 1.829 euro, quasi 2mila euro, l’anno, per pagare il conto della Grande Fuga dagli ospedali, specie quelli del Mezzogiorno.

GLI SPRECHI PIÚ SCANDALOSI DELLA SANITÁ ITALIANA:

Ultime Notizie: