Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

La pizza a domicilio sul web fa diventare milionario un ragazzo di 29 anni

Christian Sarcuni, giovane materano, ha inventato PizzaBo per ordinare pizze a casa. Il portale è piaciuto ai tedeschi che lo hanno acquistato per 50 milioni di euro in contanti.

Condivisioni

PIZZA A DOMICILIO: IL PORTALE PIZZA BO –

La pizza a domicilio, un modo efficace per non sprecare tempo e soldi, fa arricchire un giovane laureato di Matera, Christian Sarcuni, di 29 anni. Non è certo la prima persona al mondo che fa fortuna grazie alla pizza, ma qui la novità consiste nell’uso sapiente ed efficace della tecnologia. Sarcuni, infatti, ha scritto un software che poi ha inserito nel suo portale PizzaBo che mette in rete le diverse pizzerie di qualsiasi città presente nel network e consente di ordinare il prodotto da casa.

LEGGI ANCHE: La ricetta per preparare in casa la pizza

PIZZA BO DI CHRISTIAN SARCUNI –

Il successo è stato immediato. E Sarcuni, figlio unico di due impiegati statali del Sud, studi all’istituto tecnico di Matera e poi alla facoltà di Scienze della comunicazione di Bologna, si è visto piovere addosso diverse offerte per vendere la sua creatura. In un primo momento ha rifiutato, ma di fronte alla proposta di un gruppo tedesco, Rocket Internet, di mettere sul tavolo 50 milioni di euro in contanti non ha saputo resistere. E ha ceduto. D’altra parte i tedeschi, che hanno già messo nero su bianco un piano di espansione in tutta Italia, hanno chiesto a Christian, ed al suo socio Livio, di continuare ad occuparsi della società, con un lauto stipendio, almeno per i prossimi tre anni. Durante i quali, oltre alle pizze con il portale messo a punto dai due giovani bisognerà vendere anche piatti come kebab, cucina cinese e sushi giapponese.

(L’immagine di copertina è tratta dalla pagina Facebook dedicata al portale Pizza Bo)

PER APPROFONDIRE: A Philadelphia la pizza “sospesa” per donare un pasto gratis ai senzatetto

LEGGI ANCHE: