Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Pittsburgh: la capitale verde dell’America dove non si spreca nè acqua nè luce (Foto)

Una città completamente ripensata all’insegna del green. Meno palazzi e più spazi verdi, dati in comodato come orti urbani ai cittadini. Le meraviglie di grandi edifici pubblici a “spreco zero”, dove non si spreca né corrente né acqua.

da Posted on
Condivisioni

PITTSBURGH CITTÀ DEL FUTURO –

Se avete in programma un viaggio negli Stati Uniti, non rinunciate a una tappa a Pittsburgh, diventata ormai la capitale dell’America che scommette sul green ed esce dalla vecchia e pesante industria con rinnovate attività, non solo economiche. Il miracolo è stato compiuto in pochi anni, con forti investimento e anche con coraggiose scelte amministrative: per esempio alcuni vecchi edifici con stabilimenti industriali sono stati demoliti senza sostituirli con nuove costruzioni ma solo con spazi verdi, orti urbani dati in comodato gratuito ad associazioni di cittadini.

LEGGI ANCHE: Londra sempre più green, gli orti urbani sono diventati 350mila

PITTSBURGH CAPITALE VERDE –

Pittsburgh era stata travolta dalla crisi dell’industria dell’acciaio, la principale attività economica sul territorio, e ha completamente riconvertito la sua mission urbana. Come? Puntando sulla Sanità ( vi sono alcuni tra i migliori ospedali degli Stati Uniti), il turismo, l’industria green, l’economia circolare del riciclo e del riuso.

GRATTACIELI VERDI E ORTO BOTANICO A PITTSBURGH –

Sono nati così i “grattacieli verdi”, tra i più belli del paese, e alcuni simboli di questa rivoluzione. Due innanzitutto: il centro David Lawrence, dove vengono ospitati anche i vertici del G20, e l’orto botanico Phipps Conservatory. Il primo è un ex stabilimento dell’acciaio, interamente ricostruito (adesso l’acciaio è solo il 40 per cento del materiale utilizzato) con l’obiettivo “spreco zero”. E in particolare consumi di energia elettrica ridotto del 50 per cento e dell’acqua del 35 per cento. Molto bello anche l’orto botanico, lo spazio verde più frequentato e amato dai cittadini. Infine, un particolare: nell’era dell’acciaio il cielo di Pittsburgh era sempre di un colore rossastro, pe le nubi che si alzavano fagli impianti siderurgici. Ora, nelle belle giornate, è di un azzurro intenso, come se fossimo sulle coste della California.

PER APPROFONDIRE: Piccoli agricoltori, in Inghilterra si mettono insieme per sfidare i grandi gruppi