Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Credo nell’utopia e nel pane per tutti (Oscar Romero)

Un grande pastore della Chiesa e un martire che finalmente sta per diventare santo grazie alla svolta di Papa Francesco

da Posted on
Condivisioni

OSCAR ROMERO –

La decisione di Papa Francesco di procedere speditamente alla beatificazione di Oscar Romero, dopo tanti anni di incertezze, rende giustizia a uno dei più straordinari pastori, e martiri, della Chiesa contemporanea.

LEGGI ANCHE: “Se riuscissimo a non sprecare, la fame nel mondo diminuirebbe di molto” (Papa Francesco)

ROMERO, VESCOVO DEI POVERI –

Romero, arcivescovo di San Salvador, fu ucciso dai militari il 24 marzo 1980 e divenne subito un’icona della Chiesa popolare, raffigurato sui murales in America Latina. Era un vero vescovo dei poveri, senza demagogia, ma con una forza spirituale che lo ha reso scomodo  e gli è costata la vita. Molti lo consideravano troppo vicino alla sinistra, ma fu Papa Wojtyla, che pure non ha avuto un rapporto facile con lui, a chiudere il varco a queste polemiche con una frase lapidaria: «Romero è nostro».

Cioè di tutta la Chiesa, del popolo di Dio e innanzitutto dei più deboli che Romero ha sempre difeso. Le sue prediche erano ascoltatissime, e tra l’altro diceva: «L’evangelizzazione non deve essere separata dalla promozione umana. Quel pane di cui parla Cristo è un pane spirituale, ma è anche un pane vero che sfama chi non ha. Basta volerlo…». E ancora: «Credo nell’utopia, senza la quale non riuscirei a fare il mio dovere di pastore»

PER APPROFONDIRE: “Il cibo che buttiamo via è come se lo avessimo rubato alla mensa di chi è povero” (Papa Francesco)

LEGGI ANCHE: