Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Orti solidali a Montebelluna (foto e video): un’oasi per stare insieme e aiutare i poveri

In un’area di 8mila metri quadrati, messa a disposizione dal comune, lavorano una quarantina di volontari. Ci sono 60 alberi da frutto, e i raccolti vengono distribuiti alle famiglie bisognose sul territorio. Tutto coltivato senza fertilizzanti chimici.

Condivisioni

ORTI SOLIDALI MONTEBELLUNA –

L’orto comunale di Montebelluna, in provincia di Treviso, è uno dei più belli d’Italia. L’opera è nata dalla sinergia tra l’amministrazione comunale, che ha messo a disposizione un’area di 8mila metri quadrati, e una quarantina di volontari che coltivano gli spazi.

LEGGI ANCHE: A Bollate, l’orto sociale per il reinserimento lavorativo dei senzatetto

L’ORTO COMUNALE DI MONTEBELLUNA –

All’interno si trovano, come in un mondo fiabesco, 60 alberi da frutto, 70 piante di frutti di bosco, 5mila piantine da orto. Una meraviglia. « Il nostro modello è quello di un labirinto, dove ritrovarsi. Perché l’orto diventa così un luogo per stare insieme, per riscoprire il piacere della comunità, ma anche un’occasione per aiutare i più poveri» racconta Marzio Favero, sindaco di Montebelluna.

AGRICOLTURA SOLIDALE A MONTEBELLUNA –

E in realtà alla base del progetto non c’è solo l’obiettivo di recuperare e conservare, grazie al lavoro gratuito dei cittadini, un’enorme area verde, ma anche lo scopo di favorire integrazione, solidarietà e condivisione tra le persone. L’orto di Montebelluna è coltivato con il metodo definito “a lasagna”, che permette di non dissodare il terreno: non si usano fertilizzanti chimici, ma solo compost naturale. E un container utilizzato durante la guerra del Kosovo è stato trasformato in deposito per gli attrezzi. Infine, una buona parte del raccolto viene destinato alle famiglie povere della città.

(Fonte immagini: Facebook)

PER APPROFONDIRE: “Un orto in centrale”, il progetto di Snam per l’agricoltura a km zero in Toscana