Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Living Nature, la casa arredata all’interno secondo il ciclo delle quattro stagioni

Il progetto dello studio Carlo Ratti Associati. Un giardino verticale in una casa hi-tech. In tutto 23 specie diverse di alberi

Condivisioni

NATURA E DESIGN

Living Nature: la natura dell’abitare. E’ tutta qui l’idea di fondo dell’’installazione tecnologica di Carlo Ratti Associati, a Milano in Piazza Duomo, che indaga il rapporto uomo/natura e di conseguenza il rapporto tra la natura e l’abitare. E lo fa in modo smart e hi-tech.

500 metri quadrati per rappresentare le quattro stagioni, i loro climi, flora e fauna tipiche che sono mescolate con complementi di arredo: da poltrone vintage bellissime all’ombra fresca di arbusti autunnali ad accoglienti tavolini in ferro battuto da giardino accanto a roseti fioriti. Tuttavia, chi pensa sia soltanto ricerca del bello sbaglia di grosso: la domanda importante che viene dall’installazione è piuttosto come il design, la creatività e l’innovazione dialoghino con la natura e come possano conciliarsi con il rispetto dell’ambiente, il controllo dei consumi e l’impiego di materiali e tecnologie assolutamente eco-friendly.

LEGGI ANCHE: Ecobonus e detrazioni: tutti i soldi che potete chiedere per la vostra casa più green

LIVING NATURE

La tecnologia chiave del giardino quattro stagioni allestito da Carlo Ratti è una speciale ed innovativa metodologia di controllo del clima, che gestisce l’energia in modo intelligente.
Il padiglione, infatti, è coperto da una speciale membrana che è stata progettata, come l’intero padiglione, dall’architetto Claudio Ratti in collaborazione con il MIT di Boston e Patrick Blanc, ideatore del giardino verticale.La membrana, in uno speciale materiale chiamato Crystal, è responsiva, cioè sensibile ai cambi di luce. dotata di sensori che possano regolare il clima all’interno e tutti i microclimi delle stagioni.

L’energia utilizzata dal padiglione è a somma zero, generata da pannelli fotovoltaici e gestita da un sistema di compensazione tale per cui le batterie ad accumulazione facciano in modo di fornire energia dove serve di più, per esempio al sistema di raffreddamento della stagione invernale, che presenta a terra neve artificiale e un clima gelido creato artificialmente.Nelle stanze dell’esposizione, energeticamente assolutamente sostenibili, possiamo trovare 23 specie diverse di alberi provenienti da diversi paesi come Giappone, Himalaya, Austria, Cina, che trovano i climi adatti alla loro sopravvivenza.

Riassumendo, il progetto di Carlo Ratti Associati vuole portare la natura in città e negli spazi del living, cercare di introdurre nuove tecnologie di efficienza energetica nell’ottica di una sostenibilità totale dei luoghi ed infine far porre ai visitatori e alle visitatrici qualche domanda sui cambiamenti climatici e sulla propria vita nella biosfera. Non capita tutti i giorni, infatti, di poter attraversare tutte le 4 stagioni riflettendoci su in modo così emozionante.Delle idee alla base di Living Nature e del progetto abbiamo parlato con Daniele Belleri, portavoce di Carlo Ratti Associati.

(Tutte le immagini del testo e l’immagine in evidenza sono fornite dall’ufficio stampa di Carlo Ratti Associati. Credits di Salone del Mobile, Delfino Sisto Legnani e Marco Cappelletti)

ABITARE ECO-FRIENDLY, TUTTE LE IDEE