Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

“Varchi temporali”, le creazioni di Saverio Maggio realizzate con materiali di riciclo

Grazie al progetto “Varchi temporali”, i materiali inutilizzati come vecchi bottoni, nastri di videocassette o ombrelli raccolti per strada, si trasformano in abiti e collezioni di moda.

Condivisioni

MODA CON MATERIALI DI RICICLO –

Vecchi ombrelli raccolti per strada, nastri audio e videocassette, rivestimenti di materassi, bottoni e vecchi tessuti: grazie alla creatività di Saverio Maggio questi materiali, solo apparentemente inutili, si trasformano in abiti e collezioni di moda.

LEGGI ANCHE: Made in Testaccio, la sartoria romana che ricicla, non spreca e recupera le tradizioni

VARCHI TEMPORALI DI SAVERIO MAGGIO –

Laureato all’Accademia delle Belle Arti in pittura, insegnante e stilista, attraverso il progetto “Varchi temporali”, Saverio recupera questi materiali che altrimenti finirebbero buttati via e quindi sprecati e li riutilizza per la realizzazione di abiti, creazioni curiose e originali il cui obiettivo è anche quello di dare un nuovo valore a questi oggetti, rendendoli nobili.

Il progetto intende infatti elevare i diversi materiali di riciclo al rango di oggetti preziosi, destinandoli a un uso totalmente diverso da quello originario.

LE CREAZIONI DI SAVERIO MAGGIO –

I diversi modelli sono ispirati ad abiti del passato: dalla tunica medievale ispirata ai mosaici bizantini, al modello “Andrienne” delle principesse del ‘700, dallo stile impero, al modello del film “Il Gattopardo” fino ad  arrivare agli anni cinquanta e ai meravigliosi abiti “contemporanei” che sembrano appena stati creati per i moderni defilè di Parigi.

GUARDA LA FOTOGALLERY

Il progetto è in concorso per l’edizione 2015 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui! 

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

PER APPROFONDIRE: Moda ecosostenibile e non sprecona, le borse realizzate con i tappi delle bottiglie