Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Migranti pasticceri, il progetto che aiuta ragazzi con fragilità psicologica e disturbi alimentari

Nato a Roma nell’ottobre del 2016 ha l’obiettivo di far acquisire le competenze professionali necessarie e allo stesso tempo stimolare un efficace processo terapeutico-riabilitativo. Dopo il periodo di formazione i migranti possono anche svolgere tirocini in aziende disponibili all’inserimento lavorativo

Condivisioni

MIGRANTI PASTICCERI –

La potenza della cucina è davvero incredibile. Con il cibo tutte le barriere, culturali e linguistiche, possono essere superate perché con un mestolo in mano anche chi viene da molto lontano può riscoprirsi a casa. Così 10 ospiti di due Sprar (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) di Roma sono stati coinvolti in una serie di lezioni di pasticceria. I migranti, provenienti da Iran, Iraq, Afghanistan, Mali, Gambia e Senegal, hanno evidenziato fragilità psicologica e disturbi alimentari e con questo laboratorio hanno potuto e potranno acquisire competenze professionali, stimolando un efficace processo terapeutico-riabilitativo.

LEGGI ANCHE: Fattoria didattica solidale, a Ozzano i rifugiati mungono il latte e aiutano la comunità

PROGETTI INTEGRAZIONE MIGRANTI –

Le lezioni fanno parte del progetto Migranti in FormAzione dell’associazione Nove Onlus svolto in collaborazione con la Cooperativa Sociale EtaBeta. “L’esperienza concreta ed emotiva del laboratorio – spiega Livia Maurizi, project manager di Nove Onlus – offrirà ai ragazzi un’occasione per impegnarsi e portare avanti un progetto individuale e di gruppo ed attivare possibili percorsi di inclusione socio-lavorativa ed autonomia”. Nata nell’ottobre 2016, l’iniziativa ha l’obiettivo di dare a migranti con queste difficoltà, gli strumenti per un’effettiva integrazione nella società. Per questa ragione, dopo una prima fase di formazione professionale ed orientamento al lavoro, ai “migranti pasticceri” che partecipano al laboratorio viene offerta la possibilità di svolgere tirocini in aziende disponibili all’inserimento lavorativo. Un’esigenza di integrazione che diventa sempre più stringente e che è necessario promuovere con tutti i mezzi a disposizione.

PER APPROFONDIRE: Funky Tomato, il pomodoro che ferma il caporalato e fa lavorare i migranti (foto e video)