Questo sito contribuisce all'audience di

Il maestro di scuola più bravo del mondo (foto). La storia di Doug Lemov, fuoriclasse dell’insegnamento

Il suo obiettivo è ridurre il divario di risultati tra gli studenti, facendo migliorare soprattuto chi ha minori possibilità a disposizione. Per riuscirci ha girato il Paese armato di videocamera per imparare dagli insegnati migliori. Da questa esperienza è nato un libro che mette insieme le tecniche più efficaci

Il maestro di scuola più bravo del mondo (foto). La storia di Doug Lemov, fuoriclasse dell’insegnamento
di
Condivisioni

MAESTRO PIÙ BRAVO DEL MONDO –

Il suo chiodo fisso è sempre stato uno solo: ridurre l’odioso “divario dei risultati”. Il gap che separa alunni ricchi da alunni poverI e che apre poi le porte a discriminazioni e diseguaglianze che rischiano di durare tutta la vita. Come fare? Nel rispondere a questa domanda Doug Lemov, insegnante con un master in Gestione aziendale ad Harvard, ha messo a punto un nuovo metodo di insegnamento, diventato popolarissimo, e non solo in America. Da questa esperienza è nato un libro “Teach like a champion” (Insegna come un campione), che negli ultimi cinque anni è passato per le mani di migliaia di docenti ed è entrato in centinaia di aule.

LEGGI ANCHE: Nella scuola primaria Rio Cro­sio di Asti si combatte lo spreco di cibo con le mezze porzioni

NUOVO METODO INSEGNAMENTO –

Il suo metodo di insegnamento si fonda sul fissare punti strategici in aula, che lui chiama “punti caldi“, dai quali osservare meglio i volti dei suoi studenti. Sorridere è fondamentale, così come il contatto visivo e il ritmo del parlato che deve accompagnare la lezione come un tamburo che batte il tempo. Gli studenti, infatti, si devono sentire parte dell’azione e non esclusivamente ricevitori di una lezione frontale. Nel suo libro Lemov spiega come spostarsi in classe e come richiamare gli alunni disattenti con il linguaggio non verbale, senza metterli in imbarazzo. Tecniche che una volta apprese, però, hanno bisogno di lunghe ore di pratica per diventare efficaci.

DOUG LEMOV –

E pensare che all’inizio Doug Lemov non era un docente brillante. Invece di far appassionare i ragazzi, passava il suo tempo ad implorarli di fare silenzio. Poi un giorno un collega gli diede un consiglio: “Quando vuoi che seguano le tue istruzioni, sta’ fermo. Se cammini in giro distribuendo fogli sembra che le istruzioni non siano più importanti di tutte le altre cose che stai facendo”. Per Lemov fu una rivelazione. Era proprio il genere di suggerimento – chiaro, concreto, preciso – di cui aveva bisogno. E ha funzionato. Per questa ragione ha deciso di trovare tutti quei suggerimenti e quelle tecniche che possano essere utili agli insegnati come lui per rendere avvincenti le lezioni. Un modo per abbattere le barriere e ridurre il divario di risultati in tutti gli studenti, anche in quelli che, spesso, sono portati a far di meno o che hanno minori possibilità a disposizione. Per riuscirci, ha prima fatto una ricerca per scovare le scuole che ottenevano i risultati migliori con studenti poveri, poi, armato di videocamera, ha visitato le classi degli insegnati migliori. In questo modo ha potuto categorizzare le tecniche migliori arrivando a quello che secondo lui, e anche secondo migliaia di altri insegnanti visto il successo raccolto dal libro, è la sintesi dei metodi più efficaci.

LE SCUOLE CHE CI PIACCIONO IN ITALIA

La scuola in Finlandia insegna l’economia domestica anche ai maschi. E spariglia le discipline

Andare a scuola a piedi: ecco tutti i vantaggi. Bambini più autonomi e ginnastica naturale

Baby imprenditori crescono, a Lecce gli alunni creano start up già a scuola

“Rimini scuola sostenibile”: la rete di istituti che porta avanti un cambiamento condiviso all’insegna del non spreco

Ultime Notizie: