Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Ticket Books: in Brasile i libri si trasformano in biglietti della metro per incentivare la lettura

Grazie ad una speciale tessera inserita all’interno della copertina, i libri possono essere adoperati come un normale abbonamento per i mezzi pubblici.

da Posted on
Condivisioni

LIBRI DA LEGGERE IN METROPOLITANA –

Mentre aumentano in Italia le iniziative per provare a incentivare la lettura in un Paese in cui si legge sempre meno, una casa editrice brasiliana ha trovato un modo davvero originale per convincere i passeggeri della metropolitana a mettere da parte lo smartphone durante il viaggio e a sostituirlo con un libro.

LEGGI ANCHE: Biblioteca sociale, un’iniziativa per salvare i libri dal macero e incentivare la lettura

TICKET BOOKS IN BRASILE –

Ticket Books, questo il nome della collana di libri tascabili messa in vendita dalla L&PM Editores, libri che possono essere utilizzati anche come biglietto per la metropolitana di San Paolo.

COME FUNZIONA TICKET BOOKS –

Grazie ad una speciale tessera inserita all’interno della copertina, i libri possono essere adoperati come un normale abbonamento per i mezzi pubblici: basta far scorrere il libro sul display ai tornelli per poter accedere alla stazione della metropolitana. E la tessera può essere ricaricata anche sul sito dell’azienda che gestisce la metropolitana.

I LIBRI TASCABILI DI TICKET BOOKS –

Al momento la collana di libri tascabili prevede dieci titoli: tra questi “Il Grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald, “Amleto” di Shakespeare, “Cento sonetti d’amore” di Pablo Neruda, una raccolta di strisce dei Peanuts, “Assassinio sull’Orient Express” di Agatha Christie e “Quintana Pocket” di Mario Quintana.

Un progetto molto interessante che ha portato con sé risultati molto positivi: da San Paolo l’esperimento verrà ora esteso anche a tante altre città del Brasile.

PER APPROFONDIRE: “Iocisto”, a Napoli la prima libreria ad azionariato popolare