Questo sito contribuisce all'audience di

Le malattie che i bambini rischiano con gli eccessi del cibo-spazzatura

Le malattie che i bambini rischiano con gli eccessi del cibo-spazzatura
di
Condivisioni

Mangiare spesso merendine, patatine fritte e hamburger può causare asma, eczema e rinocongiuntivite. A rischio soprattutto gli adolescenti e i più piccoli. Il dato è il frutto di uno studio realizzato dai ricercatori delle università di Auckland e Nottingham su circa 500.000mila bambini in oltre 50 paesi.

In particolare, la ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Thorax, ha riguardato 181mila bambini tra i 6 e i 7 anni e 319mila adolescenti tra i 13 e i 14 anni. Dalle risposte dei questionari è emerso che i teenager che consumano cibo spazzatura fino a tre o più volte a settimana sono al 39 per cento più a rischio d’asma di quelli che al contrario seguono un’alimentazione sana. Scende di poco la percentuale di rischio per i bambini che si attesta intorno al 27 per cento.

LEGGI ANCHE: Novità dal mondo degli hamburger: l’olio diventa carburante e la carta si mangia

Non solo obesità quindi. Gli studiosi hanno inoltre rilevato che entrambi i gruppi sono particolarmente inclini anche alla rinocongiuntivite patologica oculare. “Se le associazioni tra i fast food e i sintomi di asma, eczema e rinocongiuntivite sono casuali allora i risultati hanno maggiore importanza per la sanità pubblica a fronte del crescente consumo di fast food a livello mondiale”, così Innes Asher di Auckland e Hywel Williams di Nottingham hanno spiegato i dati emersi dallo studio.

Alla base dei disturbi sembrerebbero esserci gli elevati livelli di grassi saturi che causano un abbassamento delle difese immunitarie. È fondamentale quindi variare la propria dieta con ricche porzioni di frutta che, grazie a una grande quantità di vitamine e antiossidanti, svolgono invece una funzione benefica e protettiva. Sostituire i pasti al fast food con almeno tre porzioni di frutta a settimana abbasserebbe “il rischio di rinocongiuntiviti, asma grave ed eczema del 14 per cento per i bambini e dell’11 per cento per gli adolescenti”.

LEGGI ANCHE:

Ultime Notizie: