Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Label, dalle etichette dei tessuti l’abito-opera d’arte che invita alla sensibilizzazione

Oltre mille etichette - il simbolo del "rifiuto" per antonomasia nella vita dei vestiti - formano un abito alto tre metri che racconta dei rifiuti non riciclabili che sono le etichette degli abiti stessi. Esposto sullo Scalone Monumentale di Palazzo Reale per la settimana di Milano Moda Donna

Condivisioni

LABEL –

Un progetto di sensibilizzazione e informazione che vuole sottolineare l’importanza, e la necessità, di ripensare e riprogettare l’etichetta, che oggi emerge come tassello mancante per arrivare alla reale sostenibilità del prodotto finale. L’abito LABEL, esposto a Palazzo Reale in occasione della settimana di Milano Moda Donna, è composto interamente da etichette: alto tre metri, è una torre leggera e quasi trasparente che, sovrapponendo identità tessili, racconta di quei rifiuti non riciclabili che sono le etichette dei vestiti.

LEGGI ANCHE: I vestiti realizzati con le bucce di arance

L’ABITO –

Un’opera progettata e realizzata da Denise Bonapace e prende corpo attraverso 1100 etichette: questi elementi, dal massimo valore comunicativo e di immagine per tutti i brand della moda, risultano totalmente irrecuperabili nel processo di recupero tessile, e costituiscono il “rifiuto” per antonomasia nella vita dei vestiti. Testimone di come la moda stia affrontando un percorso verso un futuro etico e responsabile dal punto di vista ambientale, è stato realizzato con il patrocinio del Comune di Milano, il patrocinio della Camera Nazionale della Moda Italiana, con la collaborazione di Palazzo Reale e grazie al contributo di Tesmapri e C.O.N.A.U.

RECUPERO TESSUTI –

Nel processo di recupero, le fibre che si avviano alla rigenerazione devono essere divise in gruppi selezionati per tipologia di filo e di tinta, per essere trasformate in malgama e poi ritessute. Le etichette sono formate da tanti fili di diversa natura tessile, solitamente molto corti e composti con abbinamenti di colori diversi: questo fa sì che non possano entrare a far parte del processo di rigenerazione tessile, diventando un vero e proprio rifiuto.

IN CONCORSO, PREMIO NON SPRECARE 2015 – La moda sostenibile della cooperativa la Terza Piuma

DOVE E QUANDO VEDERLO –

Installato sullo Scalone Monumentale di Palazzo Reale a Milano in concomitanza con la settimana di Milano Moda Donna, dal 21 al 28 settembre 2015, LABEL parlerà ai visitatori, nella più prestigiosa sede espositiva milanese, di sostenibilità, di identità e di nuovi obiettivi responsabili della moda contemporanea e futura.