Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Nuove isole ecologiche RAEE in Emilia Romagna: in sette mesi raccolte già 12 tonnellate di rifiuti

"Visto che i cittadini fanno fatica a portare i loro piccoli RAEE all’isola ecologica, abbiamo voluto portare l’isola ecologica nelle zone maggiormente frequentate, ovvero le grandi aree commerciali", ha detto il direttore generale di Ecolight, Giancarlo Dezio

Condivisioni

ISOLE ECOLOGICHE RAEE –

Continua ad ampliarsi la famiglia dei cassonetti intelligenti per i rifiuti elettronici sviluppati dal consorzio Ecolight. Altri sei nuovi contenitori RAEEshop sono stati posizionati in questi giorni in corrispondenza di altrettante aree commerciali. Nello specifico: a Imola al centro Il Leonardo (viale Amendola), a Villanova di Castenaso (Bo) al Centronova (via Villanova), a Modena al centro I Portali (viale dello Sport) e a Bologna nei centri commerciali Andrea Costa, Centroborgo e San Ruffillo. Salgono così a 27 le strutture dell’Emilia Romagna dotate dell’innovativo cassonetto per la raccolta differenziata dei piccoli RAEE. «È un’iniziativa che stiamo portando avanti in collaborazione con la multiutility Hera con l’obiettivo di incrementare i volumi di raccolta dei rifiuti elettronici di piccole dimensioni», osserva il direttore generale di Ecolight, Giancarlo Dezio. «Questo progetto, che è partito lo scorso luglio da Bologna, in sette mesi ha portato alla raccolta di oltre 12 tonnellate di rifiuti elettronici».

Cellulari fuori uso, componenti elettroniche dei pc e piccoli elettrodomestici non più funzionanti sono la tipologia di RAEE – rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche – più difficile da intercettare. «Solamente 1 su 5 segue una corretta gestione – sottolinea il direttore generale di Ecolight -. Visto che i cittadini fanno fatica a portare i loro piccoli RAEE all’isola ecologica, abbiamo voluto portare l’isola ecologica nelle zone maggiormente frequentate, ovvero le grandi aree commerciali».

LEGGI ANCHE: Spazzatura elettronica, ognuno di noi ne produce 20 kg all’anno

SMALTIMENTO RIFIUTI ELETTRONICI –

L’iniziativa è frutto del progetto europeo Identis WEEE, cofinanziato dall’Unione Europea e inserito nel programma Life+ avviato dal Gruppo Hera, Ecolight e dalla fondazione spagnola Ecolum. I RAEEshop hanno infatti dimensioni relativamente ridotte (3x1x1,57 metri) e non necessitano della presenza di alcun operatore. L’accesso per il consumatore è estremamente semplice: basta identificarsi con la tessera sanitaria e, indicando il tipo di prodotto da smaltire, il cassonetto apre uno sportello dove mettere il rifiuto. Sono stati progettati per accogliere i RAEE di dimensioni ridotte, come cellulari e piccoli elettrodomestici oltre alle lampadine a risparmio energetico (ovvero i raggruppamenti R4 ed R5). I rifiuti conferiti vengono tracciati dal momento della loro raccolta fino al loro trattamento e recupero. Quando i contenitori interni sono pieni, è la macchina ad avvisare con un sms i tecnici per il suo svuotamento.