Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Internet nuova frontiera per sprecare denaro pubblico?

di Posted on
Condivisioni

Venticinque milioni di euro per il sito internet dell’Inail, l’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, ente di diritto pubblico, sotto la vigilanza del Ministero del Lavoro. Una cifra stratosferica prevista dall’appalto triennale per  i servizi di gestione e sviluppo software e la gestione delle attività redazionali del sito istituzionale. La sacrosanta trasparenza tra pubblica amministrazione e cittadini diventa così alibi e occasione di sperpero di denaro pubblico. Con un articolo di Eduardo Meligrana, il settimanaleL’Espresso denuncia  la "Salerno-Reggio Calabria" del web istituzionale italiano, dove le autostrade informatiche diventano la nuova frontiera dello spreco di denaro pubblico.

LEGGI A NCHE: Quanto costano in Sicilia asini e cavalli

Il bando di gara prevede due lotti. Il primo per un importo globale di 20.113.00 euro per i servizi di sviluppo del software e gestione dei siti web con durata massima di quarantotto mesi dalla data di inizio attività, i cui ultimi dodici mesi ai soli fini di manutenzione correttiva di garanzia. Più contenuto il secondo, dal contro valore di 4.666.200 euro e riguarda i servizi di "publishing redazionale" per trentasei mesi. Quasi cinque milioni di euro, dunque, per pagare un soggetto esterno che inserisca i contenuti nel sito