Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Le multe aumentano, ma la spesa per i lavori stradali diminuisce. Così è aggirata la legge…

Boom di incassi per i comuni grazie ai verbali: 1,67 miliardi di euro solo nel 2017. Ma la parte di questi soldi che dovrebbe servire alla manutenzione e alla sicurezza di strade e piste ciclabili, non si vede.

Condivisioni

INCASSI MULTE STRADALI

Se dovessimo guardare all’attività dei vigili mentre fanno le multe, potremmo pensare di vivere in Svizzera. Attenti, disciplinati, inflessibili. E i verbali fioccano, anche se poi, per la verità, in molti casi, e specie nelle città del Mezzogiorno, non vengono pagati regolarmente.

Con questa frenetica attività fatta di sanzioni senza guardare in faccia a nessuno, un tempo le signore se le cavavano con un sorriso e con la classica frase «Ero scesa un attimo a prendere un pacchetto in un negozio…», i comuni, sempre a corto di quattrini, hanno trovato il loro bancomat ideale. Più o meno come la tassa sulla benzina da parte dello Stato.

Il risultato è che tra sanzioni e ammende, come è scritto nelle statistiche del ministero dell’Economia, i comuni italiani soltanto nel 2017 hanno incassato 1,67 miliardi di euro. Una bella somma, anche perché si tratta di denaro contante, per le amministrazioni che sanno come incassare i verbali. E soldi che per il 90 per cento dei casi provengono dal rubinetto delle multe stradali, al primo posto ovviamente ci sono i parcheggi vietati.

LEGGI ANCHE: Buche stradali, sono la causa di un incidente su tre. E nessuno le ripara

USO INCASSI MULTE STRADALI

La severità dei vigili e delle amministrazioni, di fronte ad automobilisti indisciplinati, ci possono anche stare. Ma la legge va applicata a tutto tondo, in tutte le parti, e non secondo l’utilità e gli interessi di ciascuna amministrazione. La legge, infatti, è chiara: i comuni devo investire una quota significativa di queste multe nei lavori per la manutenzione e la sicurezza delle strade. Non solo. Una parte degli incassi dai verbali deve essere destinato al delicato capitolo delle piste ciclabili che in alcune zone mancano del tutto e in altre invece non sono sicure.

E invece i nostri prodi amministratori comunali che cosa fanno? Con la mano destra incassano i verbali, e poi infilano la mano sinistra (quella con la quale dovrebbero pagare) in tasca. E mentre i ricavi dalle multe sono schizzati del 18 per cento nel 2017, nello stesso anno la spesa per le strade è crollata del 12 per cento. I conti, ancora una volta, non quadrano, e c’è una chiara puzza di spreco. Con il cittadino colpito due volte. La prima quando riceve un verbale, la seconda quando i soldi che ha dovuto pagare finiscono per finanziare la spesa sbagliata.

LE MIGLIORI ALTERNATIVE ALL’AUTO IN CITTÀ:

  1. Bike sharing, come si usa in tutte le città. 10 regole d’oro per scegliere il servizio giusto
  2. Ciclisti e pedoni, 10 semplici regole per convivere in strada senza incidenti
  3. Car sharing, come sfruttarlo con il massimo dei vantaggi. A farne uso in prima fila le donne
  4. Auto condivisa per andare al lavoro. Così si risparmiano 1.300 euro l’anno
  5. Scuolabus a pedali, i bambini si divertono e i genitori non devono più prendere l’auto (foto e video)