Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Repair cafe, i luoghi-simbolo del recupero. Nati in Olanda grazie a una giornalista (foto)

Si chiama Martine Postma e oggi presiede un movimento che conta più di 750 cafè, che viaggiano al ritmo di circa 13mila oggetti salvati al mese. L’idea di dare vita a queste officine del riuso è nata da una semplice domanda: perché sostituire il vecchio o il rotto con un nuovo acquisto se può essere aggiornato o sistemato?

Condivisioni

REPAIR CAFÉ OLANDA

Tutto è nato in Olanda. E non può essere una sorpresa che sia stato proprio uno dei popoli con il più spiccato senso civico ad impegnarsi nel creare e sostenere “una moda” virtuosa che fonda tutta la sua forza sul riutilizzo e sulla sostenibilità. Stiamo parlando dei famosi Repair café, la cui fondatrice ha un nome e un cognome: Martine Postma. Ex giornalista, questa donna ha dato vita a un movimento che oggi conta in tutto il mondo più di 750 café, che viaggiano al ritmo di circa 13mila oggetti salvati dalla discarica al mese.

LEGGI ANCHE: Repair Cafè, dove tutto riprende a funzionare creando nuove occasioni di lavoro (Foto)

REPAIR CAFÉ MARTINE POSTMA

L’idea di intraprendere un’avventura di questa portata a Martine è venuta quando è diventata mamma per la seconda volta. Mentre stava dietro al nuovo arrivato, infatti, si è resa conto di quante cose andassero buttate, nonostante potessero ancora essere utili a qualcuno. In quel momento nella sua testa si è fatta strada una convinzione: perché sostituire il vecchio o il rotto con un nuovo acquisto se può essere aggiornato o sistemato? Così ha aperto un posto dove ognuno potesse mettere a disposizione le proprie capacità per regalare una seconda vita a centinaia di oggetti. Quell’idea iniziale ha avuto talmente tanto successo che lo stato olandese ha deciso di finanziare queste iniziative e le ha raccolte nel Repair Cafe Foundation. Un’organizzazione che al momento Martine presiede.

COME APRIRE UN REPAIR CAFÉ

In generale, i Repair café sono dotati di postazioni di lavoro con gli attrezzi necessari per aggiustare qualsiasi cosa. E non è necessario essere degli “aggiustatutto” esperti, perché sui tavoli ci sono anche numerosi volumi teorici e istruzioni per imparare come muoversi. Per aprirne uno è sufficiente versare una quota di 45 euro, impegnarsi a collaborare con le altre officine e dichiarare di non essere un’attività a scopo di lucro. In cambio l’organizzazione centrale manda un kit iniziale, offre supporto e fornisce ulteriore materiale a prezzi scontati. Il tutto per socializzare e allo stesso tempo contribuire a rendere più sostenibile il mondo in cui viviamo.

La foto di copertina è tratta dal sito Vrij Nederland

COME UTILIZZARE L’ARTE DEL RIUSO

Riciclo creativo delle bottiglie di vetro: da rifiuto a risorsa, tante idee da copiare (foto)

Come fare una collana fai-da-te in poche e semplici mosse, con il riciclo creativo (foto e video)

Riciclo creativo del cartone delle uova: idee semplici, dal centrotavola alla ghirlanda

Arredamento della casa, con il riciclo creativo si risparmia con originalità e stile (foto)