Questo sito contribuisce alla audience di

Elogio del perdono: fa bene alla salute e aiuta a scoprire la parte migliore di noi

Il saggio di un gesuita ci racconta i benefici psico-fisici del perdono. Al contrario del rancore, che mette a rischio cuore, stomaco e fegato.

Elogio del perdono: fa bene alla salute e aiuta a scoprire la parte migliore di noi
Importanza del perdono
di
Condivisioni

IMPORTANZA DEL PERDONO -

Perdonare: forse uno dei gesti più difficili da fare nella vita. Azzerare rancore, voglia di vendetta, risentimento. E perfino un giustificato, forse sacrosanto, dolore. Qualche giorno fa, un sacerdote mi ha chiesto “Ma tu riesci a perdonare?”. Confesso la mia impotenza, e l’incapacità di dare una risposta convinta a una domanda così diretta. Eppure tutti, senza distinzione, abbiamo bisogno di riscoprire il perdono.

Capisco che perdonare non sia facile. Per nessuno. Quando ci sentiamo feriti da un tradimento, del partner o di un amico, di un familiare stretto o di un compagno di lavoro, oppure quando ci brucia dentro la ferita di una grave ingiustizia. Forse, un approccio più concreto al perdono può essere quello della sua utilità.

Perdonare fa bene alla salute, al nostro equilibrio psico-fisico, e allunga la vita. In uno straordinario saggio pubblicato sulla rivista Civiltà Cattolica, il gesuita Giovanni Cucci ci porta nel mistero del perdono e ci fa scoprire risorse ed effetti che neanche abbiamo mai immaginato. Perché perdonare? Perché non limitarsi ad evitare la vendetta? E il perdono che cosa cambia? Parte da queste domande padre Ciucci per spiegare come il perdono sia salutare per diversi motivi.

LEGGI ANCHE: L’importanza di chiedere scusa. Una parola chiave che abbiamo rimosso

I BENEFICI DEL PERDONO -

Innanzitutto si accompagna a una piacevole pacificazione interiore, a una sorta di chiusura di conto con ciò che ci ha ferito. In secondo luogo, ci consente di vedere in modo differente la nostra storia e perfino di scoprire un volto inedito della nostra personalità: in questo senso il perdono è una fortissima espressione di libertà. E ancora: il perdono, facendoci sentire il senso del nostro limite, è connesso per sua natura a valori positivi della vita, come la speranza, la gratitudine. L’altruismo. Tutti fattori che consentono all’uomo di allungare la vita e di guardarla con occhi ispirati all’ottimismo della nostra volontà.

PERDONO E SALUTE -

Fin qui l’aspetto psicologico. Ma padre Cucci si spinge oltre e tocca i lembi della salute, ricordando come gli atteggiamenti contrari rispetto al perdono, cioè il rancore e l’odio, costano molto e penalizzano il nostro benessere. Alzano la pressione, accumulano stress, ci espongono a rischi cardiovascolari, si traducono in forme di somatizzazione come le ulcere e le gastriti. Insomma: non perdonare nuoce gravemente alla salute. E vivere nel rancore e nell’odio è un autentico spreco di tempo, di salute, di personalità.

PER SAPERNE DI PIU': L’elogio della gentilezza, essere educati fa bene alla salute e conviene

PERCHÉ È IMPORTANTE PERDONARE -

D’altra parte per i cattolici il primo perdono arriva da Dio, attraverso la sua misericordia che si esprime con la confessione. «Un semplice sguardo alla nostra esistenza basta a farci capire quanto abbiamo immenso bisogno di tenera e compassionevole vicinanza. E di quanto il perdono ci aiuta a vincere le nostre debolezze» scrive padre Bruno Forte, vescovo di Chieti, nel libro «Lettere dalla collina» (edizioni Mondadori) appena pubblicato. Un punto di vista che quasi coincide con quello laico di Massimo Recalcati, autore del best seller sul perdono, «Nulla è più come prima, elogio del perdono nella vita amorosa»  (edizioni Cortina). Secondo Recalcati, infatti, il perdono esprime la forza del nostro amore rispetto alla debolezza dei nostri comportamenti.

Un’ultima avvertenza, anche questa ricavata dal saggio di padre Cucci. Il perdono, in quanto scelta di libertà, è un processo lento, che richiede tempo e fatica. E ha bisogno della capacità di accogliere nel profondo del nostro animo questo sentimento che appartiene in modo naturale, con il suo contrario, alla natura umana. Dunque, per perdonare davvero non bisogna avere fretta di farlo.

COME MIGLIORARE I RAPPORTI UMANI:

LEGGI ANCHE:

Ultime Notizie: