Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Ambiente e inquinamento: l’81 per cento dei giovani sono pronti a nuovi stili di vita. A partire dalla lotta agli sprechi

Pronti a usare mezzi alternativi all’automobile in città. E innanzitutto severi praticanti della raccolta differenziata. Da questo clima nascerà un nuovo partito dei verdi in Italia.

Condivisioni

GIOVANI E SOSTENIBILITÀ –

Giovani sempre più attenti all’ambiente ed ai nuovi stili di vita. In modo molto pragmatico, senza ideologie e con un impegno concreto e quotidiano. Pensate che l’81 per cento dei ragazzi in età tra i 15 e i 19 anni sono preoccupati delle condizioni del Pianeta, dell’inquinamento, del surriscaldamento climatico: e per questi motivi sono pronti, in massa, a modificare gli stili di vita.

LEGGI ANCHE: Educazione ambientale a scuola, finalmente. Ma non facciamone una materia di serie B

I NUOVI STILI DI VITA SOSTENIBILI –

In che cosa consiste il cambiamento così condiviso? Utilizzare mezzi alternativi all’automobile, a partire dalla bicicletta, per muoversi in città. Fare acquisti ecologici, con prodotti naturali e, se possibile a chilometro zero. E innanzitutto Non sprecare, dal cibo all’acqua, passando gli oggetti inutili che riempiono interi armadi oppure apparecchi elettronici che non sappiamo più dove mettere.

DA NON PERDERE: Smog Free Tower, a Rotterdam il più grande aspiratore anti smog

I GIOVANI E L’ECOLOGIA –

Nell’impegno per l’ambiente i ragazzi di oggi mettono al primo posto la raccolta differenziata, che i loro genitori neanche conoscevano e spesso rifiutano, e anche il riciclo degli oggetti, perfino i biglietti dell’autobus. Infine il 90 per cento dice che apprezzerebbe l’Educazione ambientale come materia di studio,  come è stato deciso dal prossimo anno scolastico.

GIOVANI E RISPETTO DELL’AMBIENTE –

A ben leggere questi dati c’è da essere sorpresi in senso positivo. È chiaro che ormai è in campo una nuova generazione di ragazzi sensibili ai temi dell’ambiente e dello spreco. E da qui, auguriamoci, potrà nascere anche un nuovo movimento politico. L’Italia, ricordiamo, è l’unico paese europeo dove ormai i verdi sono scomparsi dalla scena politica. Avanti ragazzi, e qualcuno di voi pensi in grande per dare una bella scossa all’asfittica e opaca politica italiana.

PER APPROFONDIRE: Cambiamento climatico, a rischio una specie su sei di piante e animali