Questo sito contribuisce alla audience di

Educazione ai figli: siamo troppo protettivi e cresciamo ragazzi poco indipendenti

Gli studenti che vanno a scuola da soli in Italia sono la metà dei tedeschi. Ma le nostre paghette valgono il doppio della media europea. Il conflitto è stato rimosso, e invece aiuta a crescere

Educazione ai figli: siamo troppo protettivi e cresciamo ragazzi poco indipendenti
Genitori italiani troppo protettivi: i rischi nell'educazione dei figli
di
Condivisioni

GENITORI ITALIANI TROPPO PROTETTIVI E IPER PRESENTI -

Un eccesso di amore può portare a un’educazione sbagliata, troppo protettiva, poco producente, possessiva. Mi ricordo di un mio zio che confondeva l’amore con il possesso. Anche nei confronti dei figli, i miei cugini. Li coccolava, li voleva sempre sotto controllo, sicuro di proteggerli, e invece non si accorgeva di soffocarli. Un errore che in tanti rischiamo di commettere. Siamo troppo protettivi, troppo presenti, e troppo ingombranti con i nostri figli. E rischiamo di incentivarli poco e male all’autonomia (un valore fondamentale nella vita) e di spingerli a forme di narcisismo tipiche di questi tempi.

Una laurea in genitorialità, purtroppo o per fortuna, non esiste. Ma se ci fosse, le famiglie italiane dovrebbero pensare di frequentarla perché a fronte di una potenza dei numeri, 24 milioni e 512mila nuclei familiari, emerge una debolezza, anche questa confermata dalle statistiche, dei risultati del nostro sistema educativo domestico.

LEGGI ANCHE: Come educare bene i bambini, piccole pesti a lezione di galateo

COME EDUCARE BENE I PROPRI FIGLI -

Possiamo partire da un primo punto critico, e cioè i genitori iper protettivi e, a loro modo, iper presenti. Soltanto il 34 per cento dei ragazzi italiani che frequentano le scuole medie inferiori vanno a scuola da soli e non sono accompagnati da un genitore: in Germania la percentuale è il doppio, 68 per cento, e in Inghilterra schizza al 78 per cento. Quel gesto la dice lunga su quanto stiamo addosso ai figli e la carenza di mezzi pubblici come giustificazione del papà o della mamma in versione autisti full time semplicemente non regge. «Uno dei compiti più difficili per un genitore è quello di creare un equilibrio tra la sua presenza e l’autonomia dei figli. Solo così i bambini diventano ragazzi e poi adulti: e noi purtroppo tendiamo a trascurare questo obiettivo» spiega Margherita Lanz, docente all’Università Cattolica e autrice del fortunato libro Mi fido di te, favorire l’autonomia dei figli  (edizioni San Paolo). Anche dopo l’orario scolastico i figli continuano ad essere sorvegliati speciali da parte dei genitori, pronti a imbottire le giornate con impegni extra, dallo sport (sempre con accompagnamento incluso) ad altre attività. E perfino il passaggio all’università non rompe il cordone ombelicale, con il genitore che indossa gli abiti del tutor per indirizzare i figli nel dedalo delle scelte tra le varie facoltà e i diversi indirizzi di studio. Dunque, se oggi ci sono 7 milioni di giovani italiani (pari al 68 per cento dei non sposati), tra i 18 e i 34 anni, che vivono ancora con i genitori, la causa non è soltanto economica, mancanza di soldi per prendere una casa, ma risale anche a un tipo di educazione  impastata di un’ingombrante presenza di mamma e papà.

BAMBINI E TECNOLOGIA: Come educare i figli all’uso corretto di internet e dei social network

PAGHETTA AI FIGLI: GENITORI ITALIANI PIU’ GENEROSI RISPETTO A QUELLI EUROPEI -

Un secondo segnale di un modello che non funziona arriva dai soldi. Come paese siamo sicuramente più in crisi della Germania e della Gran Bretagna, e le nostre famiglie sono più colpite dagli effetti a catena di una recessione in corso da 5 anni. Eppure siamo i più generosi con la paghetta ai figli. In Italia è pari a 832 euro l’anno, rispetto ai 600 euro dei tedeschi, ai 380 euro degli inglesi ed ai 240 euro dei francesi. Come dire che dal 2008 i genitori si sono impoveriti, mentre i figli si sono arricchiti restando così al riparo dal declino generale «Anche questo è un segnale di una famiglia che interferisce molto e tende a proteggere» dice Elisabetta Ruspini, docente all’università Bicocca di Milano e autrice del saggio Educare al denaro (edizioni Franco Angeli). Una tendenza confermata dallo svuotamento della funzione del padre, molto spesso trasformato in un amicone, un compagno di giochi e di avventure, un pari grado, spogliato della sua autorevolezza, e dall’ancora enorme quantità di lavoro domestico che la mamme svolgono in casa, pari a 5 ore e 20 minuti al giorno.

PER APPROFONDIRE: Come educare i bambini al valore dei soldi, anche attraverso un racconto

I CAMBIAMENTI NELL’EDUCAZIONE FAMILIARE ITALIANA -

Così mentre il cinema e la letteratura ci continuano a raccontare i drammi della famiglia, come nel caso del duro e pesante film Hungry hearts di Saverio Costanzo appena presentato al Festival di  Venezia con dieci minuti di applausi in sala, nella realtà l’educazione familiare italiana è andata sempre più ripiegando verso forme di sulfurea convivenza, nelle quali il conflitto è stato cancellato. La generazione del ‘68, quella dei figli che hanno contestato i padri anche per prendere il posto in termini di potere, una volta diventata famiglia si è trasformata. Ed ha applicato, anche nelle forme spurie delle famiglie allargate, un modello di educazione senza scontri, senza il fuoco pedagogico del litigio, come se fosse possibile vivere in un a sorta di oasi protetta, da spot del  Mulino Bianco. E anche questo è stato un errore. L’educazione buonista, con figli in apparenza sereni e pacifici, è ormai messa in discussione anche sul piano pedagogico. Daniele Novara, fondatore del Centro psicopedagogico per la pace e la gestione dei conflitti di Piacenza, ha scritto un libro, diventato un best seller, dal titolo molto significativo: Litigare fa bene (edizioni Rizzoli). Partendo da una netta distinzione tra conflitto (utile a crescere) e violenza (da contrastare senza se e senza ma), Novara propone, in tutte le fasi della crescita, un modello educativo nel quale il litigio familiare sia vissuto come una “sana abitudine”. Un percorso evolutivo, di autonomia, di riconoscimento dell’altro e della diversità. E anche uno stimolo ad affermare, senza essere schiacciati dalla rete protettiva di mamma e papà, la propria personalità. Un’altra leva per la buona educazione che i genitori italiani dovrebbero prendere in considerazione quando provano a trovare il giusto metodo in quello che resta il mestiere più difficile del mondo.

PER SAPERNE DI PIU': Come insegnare la gentilezza ai bambini attraverso il gioco e il buon esempio

LEGGI ANCHE:

Ultime Notizie: