Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

In Brasile, i frigoriferi della solidarietà per aiutare i poveri e combattere gli sprechi

I frigoriferi, posizionati ai bordi delle strade, sono accessibili 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Tutti, cittadini, rivenditori, gestori di panetterie e ristoranti possono depositare le eccedenze alimentari da destinare a chi ne ha più bisogno.

Condivisioni

FRIGO DI STRADA –

Vi abbiamo raccontato dei frigoriferi solidali installati in un quartiere di Berlino e in cui tutti, sia i cittadini che i negozianti, possono riporre i cibi in eccedenza, in scadenza o quelli che non è possibile più vendere come ad esempio la frutta matura. Alimenti ancora buoni che tutti coloro che vivono in situazione di difficoltà possono prelevare e portare a casa.

LEGGI ANCHE: In Spagna i “Frigoriferi solidali” per contrastare lo spreco di cibo

IL FRIGORIFERO DELLA SOLIDARIETÀ IN BRASILE –

Un’iniziativa virtuosa portata avanti anche in Spagna, a Galdakao nei Paesi Baschi e a Murcia, nella Comunità autonoma di Murcia, dove alcuni volontari si occupano del rifornimento dei cosiddetti “Frigoríficos solidarios” (Frigoriferi solidali) con gli alimenti forniti dai proprietari di ristoranti e supermercati e dai cittadini. Un progetto importante che ha permesso di evitare lo spreco di chilogrammi e chilogrammi di alimenti e sensibilizzare tutti al non spreco e che ora è approdato anche a Goias, in Brasile con il “Frigorifero della solidarietà”.

COME FUNZIONANO I FRIGORIFERI DI STRADA DI GOIAS –

Anche qui come in Germania e in Spagna, i frigoriferi sono stati posizionati ai bordi delle strade e sono accessibili 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Chiunque, sia i cittadini che i rivenditori, gestori di panetterie e ristoranti possono depositare le eccedenze alimentari che tutti possono poi ritirare gratuitamente.

Anche in questo caso è necessario rispettare alcune regole: non si può infatti lasciare nel frigorifero la carne e il pesce crudo e uova o altri cibi scaduti. Ottimi i pasti preparati in casa, devono però riportare l’etichetta con la data di preparazione.

L’obiettivo è ora quello di creare una vera e propria rete di frigoriferi urbani.

Iniziative importanti di cui speriamo un giorno di raccontarvi la realizzazione anche nelle nostre città.

PER APPROFONDIRE: Così una ex docente di Sociologia in America ha creato la più grande rete per il recupero del cibo sprecato