Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Pannelli solari: così Iulian gira la Romania in bici e li installa nei villaggi più sperduti

Lavorava in un’agenzia pubblicitaria, e adesso ha scoperto la sua nuova missione. Con la luce arrivano libri, enciclopedie e computer, per la gioia di migliaia di bambini

Condivisioni

Free Mioriţa –

Ursici, nel distretto di Hunedoara, è il primo villaggio della Romania illuminato con l’energia solare. Il primo di tanti. Grazie all’attivismo del giovanissimo Iulian Angheluta, un ragazzo che lavorava in un’agenzia pubblicitaria e ha deciso di cambiare vita per dedicarsi completamente a portare la luce in luoghi molto spesso isolati. La Romania, infatti, è piena di piccoli villaggi, dove arrivano a malapena le strade, sulle creste delle colline o sulle cime dei monti, dove vivono migliaia di famiglie senza luce elettrica e senza collegamenti a Internet. Qui spesso bisogna chiudere perfino scuole e ospedali, perché mancando la corrente, i bambini emigrano con le loro famiglie.

LEGGI ANCHE: Pecoranera, la storia dell’ecovillaggio di Devis Bonanni

Iulian Angheluta e la Onlus che porta luce in Romania –

Iulian è salito in bicicletta e ha iniziato a girare i villaggi della Romania, ha fondato una ong, con il nome Free Miorjta (Miorjta libera, dal nome dell’agnellina protagonista di una famosa ballata popolare romena), e ha promosso il suo progetto per installare pannelli solari come nuova fonte di rifornimento energetico. Ovunque. La luce così è arrivata a Inelet, a Cruhla, a Cornatea, e siamo solo agli inizi del programma.

LEGGI ANCHE: Lata 65, l’associazione portoghese che insegna alle nonne a diventare writers

«La mia gioia è stata quella di vedere cambiare la vita dei bambini. Ho letto la felicità stampata sui loro volti di fronte a un computer per fare i compiti a casa. Con la luce abbiamo portato anche enciclopedie e libri con cui speriamo di stimolare l’immaginazione dei bambini e il desiderio di conoscere il mondo. Adesso non si sentono più soli…» racconta Iulian. E monta in bicicletta per una nuova escursione.

LEGGI ANCHE: Tutti i segreti della vita a impatto zero della studentessa Lauren Singer