Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Expo, con il Banco Alimentare il cibo che avanza è donato ai poveri

Nel mese di maggio - grazie all'accordo che coinvolge anche Cascina Triulza - sono state già recuperate 2 tonnellate di alimenti. Sono coinvolte 250 strutture caritative di Milano che assistono oltre 54mila persone

Condivisioni

EXPO BANCO ALIMENTARE –

Vi siete chiesti dove va a finire tutto il cibo che inevitabilmente, ogni giorno, nei padiglioni dell’esposizione universale? Niente paura, la notizia è bella e confortante: le eccedenze di tutti i ristoranti sono affidate al Banco Alimentare e ai suoi volontari che le portano nelle mense dei più bisognosi. L’accordo siglato con Expo coinvolge anche Cascina Triulza, il laboratorio equo e sostenibile dell’esposizione.

DA NON PERDERE: La Colletta del pane, l’iniziativa di dieci panifici di Potenza

CIBO AVANZATO AL RISTORANTE –

Marco Lucchini, direttore generale di Banco Alimentare, ha spiegato a La Stampa che occorre la collaborazione dei singoli ristoranti: per questo i volontari si sono spostati di padiglione in padiglione, dall’inizio di Expo, per prendere accordi con tutti, nel rispetto delle esigenze logistiche e delle norme igienico-sanitarie. Lucchini ha aggiunto: «Invito i gestori a scrivere a foodsavingexpo@bancoalimentare.it e chiamarci, come se fossimo un’ambulanza, per salvare gli alimenti che non vengono consumati. Noi possiamo intervenire solo di notte, perché prima non si può accedere con furgoni o simili, e neppure sapere quanto cibo è avanzato. Stiamo costruendo dei gruppi ad hoc, di volontari notturni pronti ad entrare in azione».

LEGGI ANCHE: Dagli hotel antispreco alle iniziative dei cittadini contro lo spreco di cibo

Sono già tanti i ristoratori presenti ad EXPO Milano 2015 che hanno deciso di donare le eccedenze alimentari a Banco Alimentare, che poi le distribuisce a strutture caritative della zona. Ecco i volontari al lavoro, di notte, dopo la chiusura dei cancelli della Fiera.

GUARDA IL VIDEO

Nel mese di maggio – si legge inoltre su Repubblica.it – si sarebbero recuperate 2 tonnellate di alimenti, tra cui filoni di pane, pasta cucinata, passata di pomodoro e scatolame vario, oltre a frutta fresca, verdura, salumi e piatti pronti”.

LEGGI ANCHE: Avvocati di strada, da 15 anni accanto alle persone senza dimora

Il tutto viene poi distribuito, nei tempi necessari ad evitare che possano sorgere problemi con la conservazione dei cibi già cucinati o freschi, alle 250 strutture caritative di Milano convenzionate con il Banco, che assistono oltre 54mila persone. (Foto: Banco Alimentare)

PER SAPERNE DI PIU’: Diventa volontario per il Banco Alimentare a Expo 2015