Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Caso Embraco, così l’Europa distrugge posti di lavoro e abbassa i salari. Con i nostri soldi

Un esempio paradigmatico di come non funziona l’Unione. Fabbriche trasferite nei paesi dell’Est e lavoratori licenziati. Tutto grazie ai nostri fondi strutturali. Che dovrebbero servire a fare sviluppo…

di Posted on
Condivisioni

EMBRACO

Il caso Embraco, con 500 lavoratori che rischiano di essere licenziati in Italia, è paradigmatico di come (non) funziona l’Europa dei cittadini, in questo caso dei lavoratori. E del motivo per il quale esiste un vero rigetto da parte dell’opinione pubblica.

LEGGI ANCHE: Come mai l’Italia è finita negli ultimi posti di tutte le più importanti classifiche europee? Leggete la verità in questo libro

CASO EMBRACO

Gli azionisti della società (la multinazionale Whirlpool), «gentaglia» secondo la definizione irritata del ministro Carlo Calenda, pensano bene di chiudere lo stabilimento in Italia e di trasferire la produzione in Slovacchia. La stessa cosa che vorrebbero fare i padroni di Honeywell. Come mai la fuga? Non certo per fantomatiche condizioni ambientali, ma solo perché in Slovacchia il lavoro costa meno e le tasse sono più basse. E come mai questo vantaggio per i paesi dell’Est? Per il semplice motivo che il governo di Bratislava utilizza i fondi strutturali dell’Europa, i nostri soldi che dovrebbero servire a creare sviluppo e crescita economica, per fare sconti fiscali e salariali alle aziende. Un caso classico di dumping sociale, a danno di paesi soci dell’alleanza a 28 detta Unione europea. Infine, ma è un particolare non irrilevante, questi paesi dell’Est che fanno concorrenza sleale all’Italia con i soldi dell’Unione europea, sono gli stessi che chiudono le porte agli immigrati e non intendono dare prova di alcuna solidarietà per gestire insieme i flussi degli sbarchi nel Mediterraneo. E sono gli stessi, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Romania, che vogliono stare in Europa, per attingere a piene mani dai fondi comuni, ma non intendono condividere la moneta unica in quanto sono molto attenti affezionati al vantaggio legato alla svalutazione della loro moneta.

PER APPROFONDIRE: Cibo a domicilio, il cottimo schiavista per i fattorini del food delivery (foto)

LICENZIAMENTI EMBRACO

Insomma: abbiamo creato, e finanziato, dei mostri in casa. Sprecando due volte i soldi degli stati: uno per come vengono utilizzati (abbassare i salari e creare paradisi fiscali) e l’altro per l’effetto che producono (la perdita di posti di lavoro dove i salari sono corretti e le tasse nella media). Può mai reggere un’Europa del genere? È un populista chi osa dire che di un’alleanza da Far west non sappiamo che cosa farcene? La storia dell’Europa dell’Est, ormai un’oasi di privilegi all’interno del club dell’Unione, non può reggere a lungo. Già dobbiamo competere con paesi, come Francia, Germania e Spagna, più bravi di noi nelle politiche fiscali e negli incentivi alle imprese che investono, se poi dobbiamo anche fare i conti con paesi che ci fanno concorrenza con salari e tasse basse, finanziati da fondi europei, allora la partita è persa in partenza. E l’Europa diventa una prigione.

(Fonte immagine di copertina: la Repubblica.it)

COME CREARE LAVORO:

  1. Lavorare tutti, lavorare meno. E guadagnare di più. Che cosa sta davvero cambiando
  2. Agricoltura 4.0: tutti i vantaggi delle reti d’impresa agricole, a partire dai nuovi posti di lavoro
  3. Qualità della vita, perché gli italiani scelgono la montagna. Scoprendo sicurezza e lavoro
  4. Lavoro stagionale in agricoltura, un’esperienza importante in un settore in continua crescita
  5. Green Jobs, lo sportello che aiuta i giovani a trovare lavoro nell’economia “verde” (foto)
  6. Agricoltura biologica, finalmente siamo primi in Europa. E diamo lavoro a 250mila persone