Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Si può educare ai sentimenti? E come? Ecco i migliori strumenti, e come applicarli

L’educazione sentimentale non è mai stata così attuale e necessaria. Passa per la famiglia, la scuola, gli amici. E si alimenta con la buona letteratura, il cinema, le arti visive. E il contatto fisico con gli altri

Condivisioni

EDUCARE AI SENTIMENTI

Mia madre da ragazza frequentava un collegio dove tra le materie di insegnamento comparivano anche “Buone maniere e Buoni sentimenti“. E se non aveva un voto superiore alla sufficienza, non poteva usufruire della mezza giornata di permesso per stare con i suoi familiari e i suoi amici. Roba dell’Ottocento, d’accordo, ma una domanda resta attualissima: Si può ancora educare un ragazzo ai sentimenti? E chi deve farlo?

LEGGI ANCHE: E se provassimo a prendere la vita con il soffio della leggerezza? Planiamo sulle cose, dall’alto…

EDUCARE AI SENTIMENTI E ALLE EMOZIONI

Ovviamente qui non si parla di lezioni in classe o di retorica familiare da marketing del Mulino Bianco. Ma l’educazione sentimentale, secondo me, non è mai stata così attuale e necessaria. In un epoca nella quale i costumi si sono involgariti e le relazioni umane hanno perso tono e autenticità, riuscire a coltivare i sentimenti, magari abbinati alle passioni, è una grande fortuna e un pezzo essenziale del percorso formativo. L’educazione sentimentale è anche un antidoto naturale alle forme più degradate delle pulsioni che hanno sostituito i sentimenti e le passioni: il bullismo, la violenza verbale, prima sul web, e poi fisica, con pugni e calci. E sono un antidoto alla solitudine, all’indifferenza, a non sentire l’altro come necessario.

PER APPROFONDIRE: «È l’altruismo che migliora il mondo, proviamoci» Peter Singer

Ma i sentimenti si apprendono o fanno parte della natura umana? Per quanto siano una parte integrante del carattere e della personalità, i sentimenti appartengono a una sfera formativa che sta nel campo delle cultura. In una parola: i sentimenti si imparano. E non arrivano solo per divina provvidenza. E chi educa? Chiunque ha questo ruolo: il genitore, l’insegnante, il prete (se c’è anche la fede religiosa). L’importante è avere la consapevolezza che la scuola non può prescindere dall’insegnamento, per esempio, di un confine netto che deve esistere, sempre e comunque, tra il bene e il male. Un genitore non può prescindere, tra le sue responsabilità, dalla ricerca della condivisione di quel calore emotivo che appunto riscalda i sentimenti. E li rende un piacere assoluto. Nei sentimenti, in fondo, c’è il nocciolo della vita. L’amore, la paura, la gioia, la noia, il dolore, la disperazione. E ‘ impossibile prescinderne, e come qualsiasi cosa che si impara, quando si ritarda troppo, o si ignora, c’è il rischio che poi non ci sia più né il tempo né la possibilità di rimediare.

COME EDUCARE AI SENTIMENTI

Esistono, infine, diverse fonti per educare ai sentimenti, e tra queste mi sento di escludere il web. Internet non è adatto all’educazione sentimentale, le sue risposte sono e arrivano sempre in tempo reale, laddove i sentimenti invece hanno bisogno di tempo e di profondità per espandersi e poi appiccarsi al nostro corpo, al nostro cervello e al nostro cuore. Molto meglio puntare sul alcuni strumenti tradizionali: per esempio la letteratura. Tutta la grande letteratura dell’Ottocento altro non è che un grande viaggio nell’universo dei sentimenti, se solo riusciamo a convincere i ragazzi a fare qualche esplorazione, sicuramente ci saranno sentimenti che resteranno nella loro memoria e nella loro immaginazione. Stesso discorso per il cinema, le arti visive, e non solo quelle legate ai linguaggi del contemporaneo. Un quadro classico, che sia Botticelli o Caravaggio, non può lasciare indifferenti nel momento in cui si guarda con calma: è sicuramente uno straordinario strumento con il quale l’artista ci conduce, prendendoci per mano, nel mondo dei sentimenti. E in ogni caso l’educazione sentimentale passa per il recupero del contatto fisico: un bacio, una carezza, un sorriso in più, sono come dei piccoli tappeti voltanti che ci fanno atterrare nella bellezza dei sentimenti.

PARADIGMI DI UNA BUONA EDUCAZIONE

Educazione positiva. Per insegnare la felicità a scuola e trasformare i bambini in adulti sani e consapevoli

Educazione dei figli, siamo troppo protettivi e ansiosi. E cresciamo ragazzi poco indipendenti

Educazione dei figli: adesso i genitori vanno a scuola per imparare

Intossicati da Internet, i giovani cinesi sono spediti nei campi di rieducazione