Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Tartarughe Caretta Caretta, una specie molto rara: così in Calabria provano a salvarla (video e foto)

Università, Cnr, Regione e Unione europea: una buona collaborazione ha portato alla nascita di zone protette per la Caretta Caretta, la più comune tartaruga marina.

Condivisioni

DOVE SI SALVANO LE TARTARUGHE

Caretta Caretta è una delle specie di tartarughe più rare e più minacciate dei nostri mari, anche per colpa di una pesca troppo aggressiva. Eppure in Calabria si sta provando, con una forte collaborazione tra diverse istituzioni, a salvarle. Sembra un miracolo ma anche nel profondo Sud, dove mare e territorio sono spesso oggetti di sprechi e di devastazioni, si è riuscito a creare un sistema virtuoso per salvare le Caretta Caretta, e aiutarla a riprodursi. Dove? Lungo una fascia di zona marina tra Bianco e Melito, dove con la collaborazione dell’università, della regione e del Cnr ( e con i fondi europei) sono state attrezzate delle zone protette proprio per questa specie di tartarughe.

LEGGI ANCHE: Diego, la tartaruga che ha fatto rinascere le Galapagos mettendo al mondo 800 figli

 

OASI TARTARUGHE CALABRIA

Un importante operazione di concreta difesa dell’ambiente, della sostenibilità e dell’eco-sistema, se si considera che la tartaruga marina, che circolava per i mari già 110 milioni di anni fa, ha lo status di “vulnerabile” nella lista rossa mondiale delle specie a rischio. E questo per due motivi fondamentali: la falcidia a causa della pesca selvaggia, ma prima ancora la strage per i sacchetti di plastica che infestano i mari. Le tartarughe scambiano la plastica per le meduse e dunque la ingeriscono, con danni mortali, visto che si crea un blocco intestinale nel loro organismo.
Tra le varie specie a rischio c’è anche la Dermochelys coriacea, la più grande e la più veloce tartaruga marina. Lunga quasi due metri in età adulta, ha un peso che varia dai 500 ai 700 chili e riesce a circolare in acqua a 35 centrimetri orari, grazie alla propulsione di due arti anteriori che funzionano come se fossero delle pinne. Uno spettacolo, e un esempio della ricchezza della Natura che abbiamo il dovere di proteggere. Animale su animale, tartaruga su tartaruga.

ANIMALI A RISCHIO NEI NOSTRI MARI:

  1. Strage di balene, uccise anche quelle incinte (foto). E i giapponesi si difendono: «Facciamo ricerca» (video)
  2. La focena, il più piccolo delfino del mondo, sta scomparendo. Colpa della pesca illegale (foto)
  3. La plastica che uccide i pesci. Dalla forchetta al dentifricio passando per buste e tappi (Foto)
  4. I delfini parlano come gli uomini. Per i tempi, le pause e la voce (video)