Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Viaggi da single, una scelta che piace a più di mezzo milione di donne. Con molta voglia di riprendersi il loro tempo

L'età media delle donne che scelgono le vacanze solitarie è di 32 anni. Voglia di spazio vitale, per sé, senza condividerlo, come avviene durante l'anno, con altri. E un desiderio di liberarsi da assurdi sensi di colpa.

Condivisioni

DONNE IN VIAGGIO DA SOLE

Sono più di mezzo milione, e crescono con un ritmo a due cifre: donne italiane che, appena arrivano le vacanze, prendono la decisione più semplice ma anche più dirompente della loro vita familiare. Viaggiare da sole. Libere da un marito, da un compagno, dai figli, dai genitori e dai suoceri. 

Una scelta di libertà che riguarda in particolare le donne più giovani: la media delle viaggiatrici single è infatti di 32 anni, con un buon livello di istruzione (il 73 per cento sono laureate), di conoscenza delle lingue (l’83 per cento ne parla almeno una oltre l’italiano) e della navigazione online (il 96 per cento cerca notizie per organizzare il viaggio sul web e il 61 per cento poi racconta la propria esperienza sul web). 

LEGGI ANCHE: Viaggiare il mondo sulle spalle degli amici, la bella storia di Kavan Chandler

DONNE IN VACANZA DA SOLE

Ma statistiche a parte, questa nuova tendenza indica qualcosa di più profondo, una consapevolezza e un’auto-convinzione delle donne che stanno crescendo. Sempre stando ai dati, dobbiamo partire dalla pesante penalizzazione che le donne subiscono nel corso dell’anno, tanto da ritrovarsi, 9 su 10, sempre senza tempo per dedicarsi a sé stesse, e con i sensi di colpa, 8 su 10, quando sono allo stesso tempo mamme e lavoratrici

Riflettete un attimo su questa beffa che le donne subiscono. Rispetto agli uomini: guadagnano meno, fanno meno carriera, hanno meno patrimonio, lavorano di più (considerando anche gli incarichi domestici). E alla fine si ritrovano senza tempo disponibile, senza la possibilità di curare sé stesse e inoltre con l’afflizione dei sensi di colpa. Una vera condanna. 

VANTAGGI DI VIAGGIARE DA SOLE

Credo che il boom dei viaggi da single, nel caso delle donne, nasca quindi dalla consapevolezza di questo incredibile disagio. Non a caso le tre motivazioni che riconducono alla decisione del viaggiare in libertà, portano tutte alla pista del recupero del proprio tempo, e quindi del proprio spazio vitale: la voglia di fare scelte autonome, la necessità di accrescere l’autostima, l’urgenza di recuperare tempo per sé. Complessivamente queste tre spinte attraggono più del 35 per cento delle donne che scelgono la vacanza solitaria. E soltanto dopo arrivano motivazioni più legate alla voglia di liberarsi dai vincoli affettivi, come la voglia di essere indipendenti, almeno per un periodo, dai legami, che riguarda solo il 6,5 per cento delle donne in viaggio da single. 

Ovviamente, all’interno di questo fenomeno c’è anche una forte spinta all’emancipazione. Fino alla fine dell’Ottocento, quando per secoli il viaggiare è stato uno strumento di formazione e di crescita delle persone, pensate al Grand Tour in Italia, obbligatorio per tutti i figli della borghesia europea, le donne erano escluse dalla possibilità di muoversi da sole, senza gli uomini. E soltanto all’alba del Novecento la celebre Royal Geographic Society decise di aprirsi ai non maschi.

PER APPROFONDIRE: Vite sempre di fretta, con il tempo che non riusciamo più a governare. Perché? le risposte in questo libro

VANTAGGI VACANZE IN SOLITARIA

Adesso le donne, scegliendo la vacanza solitaria, fanno un altro passo avanti sulla strada della loro autonomia, anche nelle sfere più intime. Un viaggio da single, per chi ne ha conoscenza, è un tuffo nella gioia di conoscere luoghi e persone senza vincoli, senza mediazioni e senza il doversi misurare con altri. È la possibilità di fare vacanze diverse, magari con collegate e invase dalla tecnologia, tanto che tra le mete che i giornali di target femminile suggeriscono alle donne viaggiatrici solitarie ci sono i 35 stati dove la penetrazione della Rete è inferiore al 20 per cento. Viaggiare da sole significa staccare, magari rincorrendo il piacere sensuale del silenzio, rompere la rigidità di abitudini talvolta molto pesanti, con una serie di vantaggi messi in fila dal sito “Viaggiare da soli”. Tutte buone idee che anche gli uomini farebbero bene a prendere in considerazione.  

VACANZE IDEALI PER SINGLE: