Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Auto a diesel, l’Europa le sta abbandonando. Divieto anche a Roma dal 2024. Ma servono incentivi…

La decisione del tribunale di Lipsia accelera i tempi del cambiamento: in Germania le città possono mettere al bando le vetture a gasolio. Nel 2017 vendute un milione di auto elettriche e ibride, 780mila in Cina.

Condivisioni

DIVIETO CIRCOLAZIONE AUTO A DIESEL

Questa volta ci siamo. I governi, le amministrazioni locali e le industrie automobilistiche di tutta Europa spingono nella stessa direzione: addio diesel e avanti con la nuova mobilità, sotto il segno dell’ibrido e dell’elettrico.

STOP AUTO A DIESEL A ROMA

Nelle stesse ore il tribunale federale di Lipsia ha autorizzato tutte le città tedesche a mettere al bando le vetture a gasolio per ridurre le emissioni inquinanti e la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha annunciato lo stop alle auto diesel a Roma dal 2024. Decisioni che arrivano dopo analoghe scelte in Francia, in Spagna, in Olanda, Svezia, e in altri paesi europei. Nel frattempo grandi produttori, pensate alla Volkswagen, hanno stabilito di uscire dal diesel e di produrre solo auto «pulite» (i tedeschi vogliono diventati i primi al mondo, entro i prossimi cinque anni).

LEGGI ANCHE: Sapete che l’auto è nata elettrica? Leggete questo affascinante racconto in un libro che racconta il nostro futuro

AUTO A DIESEL VIETATE IN CENTRO A ROMA

Quali auto vedremo, allora, in circolazione nei prossimi anni? Come dicevo l’orizzonte di medio-lungo periodo è l’elettrica, nel breve continua l’avanzata dell’ibrida. In Francia queste due tecnologie valgono il 4,1 per cento delle immatricolazioni nell’ultimo anno, in Germania il 2,0 per cento, il Italia il 10 per cento, in Norvegia il 40 per cento degli automobilisti viaggia in auto elettriche.

I tempi dipenderanno anche da due fattori da tenere d’occhio. Le infrastrutture, cioè le colonnine elettriche per le ricariche, e il costo dell’auto elettrica destinato comunque ad abbassarsi per consentire a questo tipo di vetture di diventare un prodotto mass market.  Sorprendentemente, su questi due aspetti per il momento è la Cina, e non l’Europa, a stare più avanti. Ecco perché nel 2017 su un milione di vetture ibride o elettriche vendute nel mondo 782mila hanno avuto una targa cinese. Un paese dove questo mercato è cresciuto del 56 per cento nel giro di appena 12 mesi.

PER APPROFONDIRE: Le migliori auto elettriche sul mercato (foto). Avanzano i nuovi modelli, e scendono i prezzi

ALTERNATIVE ALLE AUTO A DIESEL

Tornando all’Italia, tra i produttori a correre ai ripari ci sta pensando la Fiat, che fino a qualche anno fa era molto scettica sull’auto elettrica, e alle colonnine non può che pensarci l’Enel che ha già presentato un piano di invasione militare delle stazioni di rifornimento: 7mila colonnine entro il 2020, 14mila entro il 2022.

Il boccino, per dare una spinta decisiva, alla nuova mobilità in Italia è comunque nelle mani del governo. Per favorire la nuova tecnologia non bastano certo le buone intenzioni, anche perentorie, dei sindaci, ma servono politiche di incentivazione per questo tipo di vetture. È sempre stato così nell’industria automobilistica. E servirà un sostegno forte per dotare l’Italia di una vera rete di stazioni di rifornimento elettriche, senza le quali questo tipo di vetture non potranno decollare sul mercato.

(Credits: DnDavis / Shutterstock.com)

COME RISPARMIARE CON LE SPESE DELL’AUTO:

  1. Risparmiare sul carburante dell’auto: 5 modelli da prendere in considerazione (foto)
  2. Polizze auto e moto, i 10 consigli giusti per risparmiare ed evitare i soliti salassi
  3. Tariffe Rc Auto: si può risparmiare fino al 60 per cento scegliendo la compagnia giusta
  4. Come guidare un’auto ibrida e risparmiare carburante: il vademecum
  5. Benzina con lo sconto, le pompe bianche dove si può risparmiare e avere lo sconto