Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Depressione post parto, si riconosce con sbalzi di umore e ansia. E si cura così

Colpisce tra il 10 e il 15 per cento delle donne che hanno un figlio. Di solito dura una settimana. Ma in casi più gravi si arriva anche a un anno. I rimedi naturali per cura e prevenzione

Condivisioni

DEPRESSIONE POST PARTUM

Umore labile, con molti e frequenti sbalzi. Un velo di tristezza che dura tutta la giornata. Ansia, irritabilità e tendenza al pianto. Incapacità di concentrazione e difficoltà nel prendere sonno. Sono questi i sintomi più diffusi della depressione post parto, che colpisce tra il 10 e il 15 per cento delle donne che hanno un figlio. Specie se si tratta del primo.

LEGGI ANCHE: Una passeggiata tra gli alberi, la migliore terapia contro stress, ansia e depressione

DEPRESSIONE POST PARTUM SINTOMI E DURATA

Innanzitutto le donne devono sapere che questa forma di depressione in alcuni casi può essere perfino naturale. Appare a distanza di tre-quattro giorni dal parto e dura, di solito, una settimana. Ma nei casi più gravi i tempi si allungano, anche un anno, e, se la situazione appare molto complicata, è bene comunque rivolgersi al medico.

Prima di farlo, però, cercate di mettere a fuoco, una volta individuati i sintomi, le cause della depressione post parto. E provate a fermarla con i rimedi naturali che vi suggeriamo qui.

PER SAPERNE DI PIU’: Depressione, il male oscuro delle donne. Come affrontarla con la fototerapia

CAUSE DEPRESSIONE POST PARTUM

Le cause responsabili della depressione post parto possono riscontrarsi sia in fattori fisici, sia nello stile di vita e sia su lo stato emotivo. Vediamole nel dettaglio:

  • Cambimenti fisici. Dopo la nascita del proprio bambino, la discesa dei livelli ormonali (estrogeni e progesterone) può contribuire alla depressione post parto.
  • Influenza dello stile di vita. Altre cause importanti potrebbero essere sicuramente le difficoltà di allattamento al seno e i problemi finanziari.
  • Fattori emotivi. Quando viene a mancare il corretto riposo, possono sembrare irrimediabili anche i piccoli problemi quotidiani. Ad esempio, prendersi cura del neonato, sentirsi meno attraenti o perdere il controllo della propria vita. Tutti questi fattori possono portare alla depressione post parto.
  • Stress. Il rischio di cadere nella PPD aumenta, poi, nel caso si è andate incontro ad eventi stressanti durante l’anno passato, quali complicazioni di gravidanza, una malattia o la perdita di posti di lavoro,
  • Problemi relazionali con il partner. La PPD è molto più probabile se con il partner si hanno dei problemi relazionali o mancanza di supporto.
  • Gravidanza indesiderata. Una delle cause più frequenti, infine, è sicuramente una gravidanza non programmata o indesiderata.

PER APPROFONDIRE: Uscire dalla depressione, ce la possiamo fare (video). Non solo con specialisti e farmaci, ma con il cuore

RIMEDI NAURALI DEPRESSIONE POST PARTUM

Ma come si affronta la depressione post partum? Vediamo insieme, passo dopo passo, gli accorgimenti e le cure naturali per poterla superare:

  1. Dialogo. Parlare delle proprie ansie e difficoltà al compagno, parenti o amiche, confessare le paure e le ansie non è segno di debolezza ma di forza.
  2. Alimentazione. Ovviamente anche una buona alimentazione, ricca di vitamine e nutrienti, e del tempo trascorso all’aria aperta, hanno sempre un grande effetto benefico. 
  3. Spazio per sè stessi. Ritagliate un piccolo spazio per voi, magari di pochi minuti con una piccola meditazione che rigenera la mente e annulla i pensieri negativi.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI: Yoga, i dieci benefici per il corpo e la mente. Contrasta la depressione e fa bene al cuore

COME COMBATTERE LA DEPRESSIONE POST PARTUM

Come sempre, la natura ci mette a disposizione un aiuto che, in base alla gravità del problema, può farci superare completamente o quasi la patologia. Ecco i migliori prodotti naturali antidepressivi:

  1. Ipperico. Interagisce con gli anticoncezionali e anticoagulanti, ma non va usato durante l’allattamento.
  2. Tisane di camomilla e melissa. Aiutano a migliorare il sonno e a riposare un pò di più.
  3. Oli essenziali. Potrebbe essere utile anche creare un ambiente sereno, che possa tranquillizzare il bimbo ed i genitori attraverso la profumazione in diffusione con Oli Essenziali, come Lavanda, Arancio dolce, Verbena.

GRAVIDANZA: COME FARLA NEL MODO MIGLIORE:

  1. Esercizi fisici in gravidanza: come ridurre la durata del travaglio praticando lo sport giusto
  2. Alimentazione corretta in gravidanza: cosa mangiare e i cibi da evitare
  3. I rimedi naturali per combattere la nausea in gravidanza
  4. Sette donne, licenziate in tronco causa gravidanza. Si mettono in proprio e cambiano vita (foto e video)