Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Bottigliette di plastica, si allunga la lista dei paesi dove ti pagano se le restituisci

Norvegia, Germania e Francia, premiano chi riporta nel negozio le bottigliette di plastica. Da 12 a 31 centesimi per ogni confezione. Risultato: la plastica smaltita correttamente e riciclata arriva al 90 per cento del totale.

di Posted on
Condivisioni

DEPOSIT REFUND SYSTEM PLASTICA

Il modo più semplice ed efficace per diminuire i consumi di plastica ed evitare che questo tipo di rifiuto finisca sulle spiagge o in qualche giardino pubblico? Pagare per la restituzione delle bottiglie, come un tempo avveniva con il vetro. Premiare, con una sorta di generoso rimborso, chi riporta la confezione dove è stata acquistata.

Il meccanismo è molto semplice, ed è già applicato in molte nazioni europee, quelle dove poi le percentuali della plastica riciclata sono le più alte. In termini anglosassoni si chiama Drs, acronimo di Deposit-refund systemIl costo della bottiglietta di plastica è già compreso nel prezzo del prodotto e non è un extra che il consumatore deve pagare, come nel caso dei sacchetti di plastica biodegradabile in Italia. Ma dove iniziano i vantaggi? Nel momento in cui l’acquirente riporta nel negozio, lo stesso dove ha acquistato l’acqua minerale o la Coca Cola, e riconsegna le bottigliette di plastica. A quel punto riceve in denaro contante 0,12 centesimi per la bottiglietta piccola e 0,31 centesimi per le bottiglie da un litro a salire.

LEGGI ANCHE: Plastica anche nell’acqua, pessima scoperta. La soluzione è una sola: ridurne l’uso. E non è difficile

RIMBORSO IN CAMBIO DI PLASTICA

Il Drs, con sigle e acronimi diversi, è applicato in Norvegia, Germania e Francia e il suo format si sta diffondendo ovunque. Con il risultato che in Norvegia, per esempio, la raccolta della plastica differenziata supera la soglia del 90 per cento, con enormi vantaggi dell’intera filiera dell’economia circolare.

Questo meccanismo è un classico paradigma di quanto sosteniamo da molto tempo su Non sprecare: bisogna incentivare, con diversi strumenti (in Cina nelle stazioni della metropolitana infili le bottigliette di acqua vuote e ritiri il biglietto per la metro), la riduzione dell’uso della plastica e il riciclo di quella che viene acquistata attraverso l’uso delle confezioni. Bisogna spingere sulla leva dell’interesse, della convenienza, per creare nuove abitudini e nuovi stili di vita. E non cavarsela con stentorei appelli al mondo più sostenibile o, peggio, con forme di tassazione che invece allontanano i consumatori dalle buone pratiche e semmai li fanno innamorare della plastica.

MENO PLASTICA: COME FARE, NELL’INTERESSE DI TUTTI

  1. Inquinamento oceani, partono le piattaforme di Slat per eliminare la plastica. Il progetto Ocean Cleanup (foto e video)
  2. Insalata e verdure, ma perché continuiamo a comprarle in buste di plastica? Paghiamo di più, e non guadagniamo tempo
  3. Cannucce senza plastica, realizzate con le alghe. Il brevetto di due designer americane (foto)
  4. Bottiglie prodotte dalle alghe rosse (foto), resistenti e non inquinanti. Altro che plastica
  5. Cannucce di plastica per le bibite: eliminiamole. Come hanno fatto molti bar nel mondo (foto)
  6. Piatti di carta e plastica: idee per trasformarli in decorazioni per la casa e giochi per i bambini