Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Come reinventarsi un mestiere: la storia e le ricette povere e a basso costo di Jack Monroe

Preparare piatti sani e nutrienti spendendo solo 10 sterline a settimana, circa 12 euro, è possibile: la cucina zero sprechi di Jack Monroe.

Condivisioni

CUCINA SENZA SPRECHI: LE RICETTE DI JACK MONROE – Vi raccontiamo con piacere la storia straordinaria di Melissa Monroe-Jack, una ragazza inglese costretta a lasciare un buon posto di lavoro, ingiustamente, solo per il fatto che aveva avuto un figlio, e capace poi di inventarsi, attraverso la sua esperienza diretta, una vita a sprechi zero, per necessità, e un nuovo mestiere. La blogger di “Cucina Povera” o di Cucina Non sprecare, come diremmo noi.

LEGGI ANCHE: Cucina anti-spreco in Vaticano: le ricette con gli avanzi di Regina Tchelly e del progetto “Favela Organica”

A GIRL CALLED JACK: LA STORIA DI JACK MONROE – Titoli sui grandi quotidiani inglesi, come The Guardian, che pubblica una sua rubrica dal titolo “Cucina Povera“. Quella che noi definiamo Cucina Non Sprecare. E un seguitissimo blog, intitolato A girl called Jack. E’ la storia di questa ragazza che prepara ricette di cucina, tutte ispirate alla nostra filosofia, Non Sprecare, dal costo di una sterlina al giorno. O al massimo 10 sterline alla settimana, circa 12 euro.

Melissa, infatti, guadagnava 32mila euro l’anno come centralinista in una stazione dei pompieri, ma è stata licenziata perchè, dopo la nascita del figlio, il suo datore di lavoro, lo Stato inglese, non le ha consentito di scegliere un part time. A quel punto la ragazza non si è scoraggiata, ha impostato la sua vita al massimo risparmio, al taglio di tutte le spese, anche quelle necessarie, come il riscaldamento, e ha scoperto i piatti della cucina Povera, o Non Sprecare.

PER APPROFONDIRE: Falafel con carota e coriandolo, la ricetta di Jack Monroe

LE RICETTE LOW COST DI JACK MONROE – In poco tempo, le sue ricette, grazie al web, sono diventate popolarissime. Qualche esempio? Aringhe in pastella con filetti d’aringa affumicata, barbabietole, patate, fiocchi d’avena, farina, latte e prezzemolo: costo 1,20 euro a piatto. Pollo in casseruola con fave, pollo, cuori di carciofo, salsa di pomodoro, carote, cipolle, erbette e aglio: costo 1,19 euro. Pasta al pesto con pesto di cavolo verde, spaghetti, limone, formaggio e peperoncino: costo 75 centesimi di euro.

Auguri Jack, che intanto come blogger ha cambiato nome e non è più Melissa, e complimenti per questa avventura che contiene una doppia lezione Non Sprecare. Come una cucina “povera” può diventare popolare e buona, non sprecando nulla, anche le cose più semplici; e come non si spreca una vita, quando c’è una dolorosa caduta, reinventandola.

LEGGI ANCHE: