Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Che cosa serve per essere felici? Sicurezza economica e amici che amiamo

Una ricerca della Bolton University mostra le nuove gerarchie che portano alla felicità. Scende il denaro, secondo il 76 per cento degli intervistati, e aumentano le buone relazioni.

da Posted on
Condivisioni

COSA SERVE PER ESSERE FELICI –

Vi siete mai chiesti: Che cosa mi manca per essere felice? Vedo in giro persone sempre afflitte, preoccupate, di cattivo umore: eppure hanno un lavoro, una famiglia, una buona vita sociale. Evidentemente sentono che nelle loro vite manca qualcosa. La percezione della felicità sta cambiando in questi anni di Grande Crisi, come dimostra una ricerca della Bolton University. Al primo posto, per essere felici, mettiamo la sicurezza economica. Ovvero,  la possibilità di non perdere il benessere, restando senza lavoro o con stipendi insufficienti rispetto al costo della vita, e semmai di consolidarlo. D’altra parte circa la metà degli italiani è convinto, per esempio, che i propri figli avranno un tenore di vita inferiore a quello dei genitori. L’inverso di questa paura di regredire si traduce in sicurezza, e porta la felicità. Che non corrisponde, ed è un’altra novità della ricerca, necessariamente al denaro, ai soldi. Anzi, il 76 per cento degli interpellati ritiene che non sia il denaro a procurare la vera felicità.

LEGGI ANCHE: 10 consigli per crescere bambini felici

COSA È LA FELICITÀ –

Al secondo posto nella scala delle percezioni per essere felici ci sono le risate con se stessi o con le persone che ci circondano. Qui la felicità si collega alla qualità delle nostre relazioni, alla capacità di non essere soli e depressi, a una voglia sempre più consolidata di leggerezza. Infine, al terzo posto della classifica c’è una domanda di vita semplice, fatta di piccole ma preziose cose: una casa dignitosa, il numero di oggetti giusti che servono, le camminate in compagnia. Un’alchimia della vita, insomma. E mi vengono in mente le belle parole della scrittrice Marguerite Yourcenar nel suo libro Le memorie di Adriano: «La felicità è un capolavoro». E ognuno di noi può firmarlo con le proprie mani.

PER APPROFONDIRE: Nuovi stili di vita, i binari per arrivarci. Sobrietà, tempo e spazio

LEGGI ANCHE: