Questo sito contribuisce all'audience di

Splendidi murales sui container per rendere meno amara la vita del post terremoto

L’iniziativa è stata realizzata a Pieve Torina, uno dei comuni del maceratese interessati dal sisma che ha colpito il Centro Italia a cavallo tra il 2016 e il 2017. Resa possibile grazie a un bando comunale, ha permesso a degli artisti specializzati in street art di abbellire il centro per il commercio del paese

Splendidi murales sui container per rendere meno amara la vita del post terremoto
di
Condivisioni

CONTAINER DIPINTI PIAVE TORINA

Nelle zone terremotate i container sono un monito perpetuo del disastro che ha da poco flagellato una terra. Simbolo di ricostruzione, sono il primo passo per permettere ad intere comunità di non lasciare la propria terra. Quella stessa terra che il sisma ha sconquassato arrivando a distruggere interi Paesi come nel caso di Pieve Torina. Il comune del maceratese, infatti, a causa del terremoto che ha colpito a cavallo tra il 2016 e il 2017, ha visto crollare intere frazioni con il 93% del patrimonio edilizio che è stato giudicato inagibile. Un vero e proprio disastro che, però, non ha scoraggiato gli abitanti di questa zona che si sono rimboccati le maniche e a fatica stanno lentamente tornando alla normalità. E uno dei luoghi dove questa rinascita sta prendendo forma è il centro per il commercio dove, grazie a un bando comunale, i container/negozio sono stati dipinti da artisti per regalare un po’ di bellezza a una popolazione che ha tanto sofferto in questi mesi.

LEGGI ANCHE: Terremoto e ricostruzione. Riusciremo a uscire dal tunnel della corruzione? (Foto)

ANIME DI STRADA

Si tratta di una significativa esperienza d’arte voluta dal comune attraverso un bando che è stato vinto dalla realtà civitanovese “Anime di Strada”, un’organizzazione che attua azioni di arte urbana. Per aggiudicarsi la gara, che aveva come tema la rinascita e chiedeva di fare interventi di street art su dei container adibiti ad attività commerciali, il collettivo ha avanzato un progetto che coinvolgeva i Koz Dos, artisti venezuelani che avevano già realizzato un’opera a Civitanova Marche e Morden Gore, un disegnatore marchigiano.

DOCUMENTARIO CONTAINER

L’iniziativa, come scrive il Redattore sociale, è stata raccontata anche da un documentario dal titolo “Container” e firmato dal regista Angelo Paoletti. Girato nel 2017 con la collaborazione di Simone Paglialunga, il video riesce nell’impresa di spiegare come l’arte possa aiutare la gente a vivere meglio, o per lo meno a vivere una situazione drammatica con un po’ più di spensieratezza.

La foto sono tratte dalla pagina Facebook Anime di Stranda

RIPARTIRE DOPO UN TERREMOTO

Terremoto: l’allevatore che ha vissuto in una yurta per non abbandonare gli animali (foto)

Adottiamo tutti un monumento, una sfida da cogliere contro l’infinito terremoto

A Guastalla nasce l’asilo nido ecosostenibile, economico, bello e sicuro dopo il terremoto

Come aiutare i bambini a superare il terremoto, ecco i consigli per farli sentire al sicuro

Ultime Notizie: