Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Come vincere la stanchezza, il decalogo per vivere all’insegna dell’energia

Dieci regole per affrontare le giornate con vitalità, soprattutto in primavera: dalle buone abitudini a tavola all'attività sportiva, dalla gestione del tempo libero al controllo dello stress e degli sbalzi di umore

di Posted on
Condivisioni

COME VINCERE LA STANCHEZZA –

Sentirsi stanchi e affaticati è un male comune, legato ai ritmi della società contemporanea, in particolare per chi vive in città e a chi è sopraffatto dal multitasking soprattutto sul luogo di lavoro ma anche nella vita privata. Qualche tempo fa abbiamo letto alcuni consigli su Sette, il periodico del Corriere della Sera, e vogliamo ora sintetizzarli e arricchirli qui per voi per creare un vero e proprio decalogo per vincere la stanchezza.

LEGGI ANCHE: Il multitasking distrae e confonde le idee

Tanto più che siamo in primavera, la stagione in cui si rischia di più di essere spossati, svogliati, con il desiderio di una piccola siesta sempre in agguato! Ecco come scongiurare questi pericoli e sentirsi sempre energici. I consigli che leggerete qui di seguito sono ispirati soprattutto all’approccio dell’inglese Sohère Roked, specializzato in medicine naturali e integrative, che ha scritto il libro “Mai più stanchi, come sconfiggere la fatica e sentirsi pieni di energia ogni giorno” (Piemme editore).

  1. Entrate in sintonia con il corpo. Capire quando ha (davvero) fame o sete o bisogno di riposo è fondamentale per non affaticarlo. Come? Cominciate a tenere un diario del rapporto fra cibo e umore.
  2. La regola del 70/30. Mangiate sano, fate ginnastica e tenete sotto controllo lo stress per il 70 per cento del vostro tempo. Il che signifca, ad esempio, avere self-control sulla propria dieta ed essere attivi almeno cinque giorni la settimana. E concedersi qualche piccolo vizio – vino, dolci, cioccolato, pigrizia – nei restanti due giorni.
  3. Muovete il corpo. Roked invita a trovare un equilibrio fra il lavoro cardiovascolare e il “core training”, optando per gli esercizi pensati per migliorare la postura e l’equilibrio come yoga e pilates. E quando non si ha proprio tempo per la palestra, uscite fuori a passeggiare, se possibile nella natura.
  4. Dieci minuti al giorno senza stress, cioè dedicandosi ad attività che vi rilassano: ascoltare musica, leggere un buon libro, fare un bagno, un massaggio…
  5. Scegliete un buon medico. Lo stress potrebbe anche avere cause trattabili, per vie tradizionale o naturali. Ad esempio, uno squilibrio ormonale. In ogni caso è fondamentale affidarsi a un medico di cui fidate.
  6. Datevi degli obiettivi. O meglio, stabilite delle priorità. Cosa volete dalla vita? Un lavoro migliore, trovare un compagno, viaggiare? Quali sono i vostri sogni? Cosa è “più importante” nella vostra vita e per il vostro futuro? Datevi una risposta, e perseguitela, senza farvi fuorviare dagli amici, dalle convenzioni sociali o dalle mode.
  7. Eliminate i mangia-energia. Qualche esempio? Proteggersi meglio dall’inquinamento che ci circonda, dell quale fanno parte anche le sostanze chimiche che usate in casa. Inoltre, considerate tutto ciò che assorbe le vostre energie da un punto di vista emotivo e psicologico. Possono essere persone negative che vi deprimono, il lavoro, o l’incapacità di vedere ciò che di bello avete. Le situazioni difficili possono stremarvi.
  8. Infine, tre indispensabili consigli per una dieta contro la stanchezza: scegliete piatti leggeri ricchi di vitamine. La B1, per esempio, presente in cereali integrali, legumi e semi di arachidi e di girasole. Puntate anche sulla vitamina C, che si trova in broccoli, cavoli, fragole, kiwi, lamponi, mango, papaia, peperoni, pomodori, ribes nero e spinaci.
  9. Fate una colazione “mirata”: frutta fresca, cereali integrali sotto forma di fiocchi o pane, un paio di noci o mandorle, yogurt al posto del latte (per aiutare la flora intestinale), miele per dolcificare. Tra i cereali privilegiate l’avena, ricca di fibre e nutrienti, ha un’azione tonificante e per questo è consigliata a chi soffre di stanchezza
  10. Evitate i carboidrati semplici, che – provocando un innalzamento dell’insulina nel sangue – sono responsabili dei repentini abbassamenti del livello di glicemia e della conseguente sensazione di spossatezza e stanchezza. Date un drastico taglio a merendine, biscotti e in genere a tutti i cereali raffinati.

PER SAPERNE DI PIU’: La dieta della primavera, come mangiare sano e combattere la stanchezza