Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Come utilizzare il denaro in vacanza all’estero: tutti i consigli pratici

Come orientarsi tra traveller's cheque, contanti, sportelli ATM, uffici di cambio e commissioni delle carte di credito per partire in vacanza sereni senza sprecare denaro

di Posted on
Condivisioni

COME UTILIZZARE IL DENARO ALL’ESTERO –

Convengono i traveller’s cheque o il contante? Meglio prelevare dallo sportello ATM o cambiare soldi presso gli uffici di cambio? Se pago con la carta di credito ci sono commissioni? Per aiutare agli italiani che quest’estate partono in vacanza a non sprecare, vi proponiamo alcuni consigli su come utilizzare il denaro all’estero.

TRAVELLER’S CHEQUE –

Gli assegni di viaggi o traveller’s cheque sono l’alternativa ideale all’uso del contante all’estero, dato che offrono una maggior sicurezza e la possibilità di ottenere un rimborso gratuito in caso di smarrimento o furto. Vengono accettati praticamente dappertutto, e servono non solo per pagare ma anche per prelevare in valuta locale presso qualsiasi sportello bancario.
Sono anche economici, dato che prevedono una commissione tra 1-2,5% del loro valore nel momento dell’acquisto presso reti di cambio o sportelli bancari. Nel caso particolare degli assegni di viaggio delle Poste, c’è un ulteriore vantaggio, ed è quello di essere addebitati dal conto postale unicamente dopo il loro utilizzo, evitando la necessità di programmare in anticipo la quantità di assegni da acquistare.

PER SAPERNE DI PIU’: Le migliori chiavette Internet mobile per navigare in vacanza: tutte le offerte

CARTA DI CREDITO INTERNAZIONALE –

Anche le carte di credito internazionali, appartenenti soprattutto alle reti Visa, MasterCard e American Express, godono di un livello di accettazione ancora superiore rispetto i traveller’s cheque e perciò sono un’ottima soluzione per chi si sta chiedendo come utilizzare il denaro all’estero e girare con pochi contantti. Con una carta di credito si può pagare nei negozi senza commissioni quando si è in zona Euro (altrimenti si può pagare tra il 2 e il 3,5% in più), così come prelevare dagli ATM o sportelli bancari.
Per identificare le migliori proposte di carte di credito da utilizzare in Italia o all’estero, consigliamo di consultare questo comparatore per carte di credito.

INVIARE DENARO ALL’ESTERO –

Utilizzandola per prelevare però ci sono dei costi da sostenere. Se si è in zona Euro, in effetti, conviene prelevare con la carta di debito o bancomat, dato che praticamente con tutte le banche non ci sono commissioni. Se invece si è fuori dalla zona Euro, lo sportello ATM non accetta la vostra carta bancomat o questa non è autorizzata per i prelievi all’estero (oppure non avete sufficienti fondi nel vostro conto corrente), allora potete utilizzare la carta di credito per i prelievi. In questo caso però c’è una commissione forfettaria (in media 3 euro a prelievo) e un’altra proporzionale alla somma prelevata, che varia tra l’1-2% in zona Euro e il 2-3% quando la valuta è diversa alla nostra. E’ importante leggere attentamente il contratto o il foglio informativo del proprio conto corrente o carta di credito per capire bene quali sono i costi da sostenere all’estero in ogni caso in particolare.

LEGGI ANCHE: Le migliori offerte telefoniche per chiamare e navigare all’estero senza sprecare denaro

Tuttavia, è importante sottolineare che prelevare contante dagli sportelli ATM, anche tramite carta di credito e non di debito, rimane comunque un’alternativa più conveniente rispetto all’acquisto della valuta locale negli uffici di cambio, dove la commissione – spesso contenenti costi nascosti oppure non chiaramente specificata – può raggiungere il 5%.