Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Come usare lo smartphone come router wi fi

Quando si è in viaggio o quando si vuole condividere la propria connessione con amici e parenti, è possibile connettere i propri pc o dispositivi elettronici ad un solo telefono via tethering: scopriamo quanto costa e come si fa

da Posted on
Condivisioni

COME USARE LO SMARTPHONE COME ROUTER WI FI –

Per navigare col computer durante queste vacanze estive, oltre all’Internet key di cui vi abbiamo già dato le opzioni più low cost c’è la possibilità di connettersi via tethering, ovvero utilizzando il proprio smartphone come router Wi-Fi. Dal punto di vista dei costi, si tratta di un’alternativa conveniente, perché è possibile condividere la propria connessione tra più dispositivi e anche tra amici e parenti. Ma non tutti gli operatori supportano il tethering, oppure alcune delle tariffe attuali non servono a questa fine.

LEGGI ANCHE: Ecco come navigare su internet dalla spiaggia senza sprecare denaro

ROUTER WI FI COS’È –

La funzione di “tethering” che includono molti modelli di smartphone consente di convertire il proprio telefono cellulare in un router Wi-Fi, rendendolo capace di fornire una connessione Internet a qualsiasi altro dispositivo (smartphone, tablet, PC, etc) in grado di ricevere il segnale Wi-Fi. In questa maniera, tutti i device connessi allo smartphone che fa le veci da router wireless potranno navigare su Internet utilizzando il suo piano telefonico e consumando il suo traffico dati. Se avete un piano dati nel vostro telefono cellulare ma volete navigare con il tuo computer, puoi farlo collegando i tuoi dispositivi attraverso la funzione del tethering. E’ ideale, inoltre, per chi desidera di condividere la connessione con altre persone, magari nel caso delle vacanze estive: con un unico telefono e un’unica offerta Internet mobile possono navigare più persone, dividendo la spesa. La funzione di tethering è disponibile sia tramite Wi-Fi, sia via bluetooth che attraverso il cavo USB. Quest’ultima opzione, utile quando si tratta di condividere la connessione con un PC, è la prima scelta per avere un collegamento più stabile e più veloce, nonché per evitare il rapido consumo della batteria quando il telefono è in modalità tethering.

LEGGI ANCHE: Le migliori offerte telefoniche per chiamare dall’estero

ROUTER WI FI 4 G –

La velocità di navigazione dipende dal segnale del telefono e dalla velocità prevista dal piano telefonico. Ovviamente, un cellulare navigando in 4G sarà in grado di fornire una connessione più veloce agli altri dispositivi collegati attraverso il tethering. Per verificare la propria copertura 4G è utile utilizzare questo tool.

LEGGI ANCHE: Le migliori chiavette Internet mobile per navigare in vacanza: tutte le offerte

ROUTER WI FI VODAFONE –

A differenza di quel che accade in altri Paesi come gli Stati Uniti, dove si paga anche 20 dollari per l’utilizzo di questo servizio, in Italia il tethering non prevede costi aggiuntivi. Tuttavia, se i parametri non sono impostati in maniera corretta, oppure cercate di utilizzare un piano telefonico che non supporta il tethering, potete incorrere in spese salate. Inoltre, non tutti gli operatori accettano il servizio; in linea generale con Wind e gli operatori virtuali (PosteMobile, ad esempio), il tethering è possibile e non causa alcuna spesa extra. Con TIM e Vodafone invece bisogna consultare il proprio piano, mentre con 3 Italia il servizio non sarebbe disponibile. A prescindere dall’operatore però, spesso quel che determina se la condivisione di dati via tethering è possibile è il proprio modello di cellulare. Per evitare errori, il consiglio è quello di contattare il proprio provider e chiedere loro sulla possibilità e sui parametri di impostazione per attivare il tethering sul proprio telefono.