Questo sito contribuisce alla audience di

Lamentarsi non serve a nulla. Molto meglio riflettere e agire

Tre regole: non affiggetevi con pensieri negativi. E utilizzate l’ottimismo della volontà. Cercate compagnie che ispirano simpatia e sorrisi. Passate all'azione, di fronte alle difficoltà.

Lamentarsi non serve a nulla. Molto meglio riflettere e agire
Come smettere di lamentarsi
di

COME SMETTERE DI LAMENTARSI -

Sono anni difficili, e il 2016 non farà eccezione, quindi è bene attrezzarsi, anche psicologicamente, ad affrontarli nel modo migliore. Per esempio: non lamentandosi in continuazione. Non serve a nulla, è una reazione sterile, che aumenta malumore e pigrizia,  e induce alla rassegnazione.

LEGGI ANCHE: L’arte della felicità come materia di studio, l’esperienza di una scuola elementare inglese

PERCHÉ LAMENTARSI NON SERVE A NULLA -

Sono anni in cui invece dobbiamo imparare a reagire, ad essere duttili nei nostri comportamenti, pronti a modificarli sulla base delle circostanze. Un primo modo efficace per non lamentarsi è quello di allontanare i pensieri negativi, e sostituirli con ventate di ottimismo (della volontà). Pensate a una difficoltà sul lavoro, a cose che non vanno come avevate immaginato, e alla reazione istintiva. Di lamentarsi, appunto. Fate il contrario: ricordate che in questo momento il lavoro è quasi un lusso, e comunque una fortuna. E in ogni caso siete sicuramente nella condizione di migliorare la vostra condizione.

Seconda regola: non cercate solidarietà nel vostro lamento. Tenete presente che lamentarsi spesso allontana dagli altri, vi mette in una condizione di essere respinti. Diventate perfino insopportabili.  Depurate il lamento nell’ironia, nella leggerezza, in un’idea della vita in base alla quale non tutto va preso, sempre e comunque, sul serio. E cercate compagnia di persone che ispirano simpatia e sorrisi. Sono loro i vostri modelli.

AGIRE INVECE DI LAMENTARSI -

Infine, terza regola: agire. Il lamento porta, direi: trascina, alla passività, alla rassicurazione del “tanto capitano tutte a me”. Al contrario, l’azione è la prova concreta che vi state assumendo una responsabilità, anche di fronte a voi stessi, e cercate di esercitarla fino in fondo. Vedrete, che poi le cose andranno meglio.

PER APPROFONDIRE: 10 consigli per crescere bambini felici

Ultime Notizie: