Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Smartphone nelle discariche: una bomba di terribili veleni

Attenti allo smaltimento degli smartphone: finiscono troppo spesso nelle discariche. E le batterie al litio sono vere bombe ecologiche

Condivisioni

COME SMALTIRE I VECCHI CELLULARI –

Tra le tante cose sciagurate che, spesso in modo inconsapevole, facciamo come consumatori c’è la brutta abitudine di liberarci dei vecchi smartphone, o anche di telefonini e tablet, nel modo peggiore: gettandoli nell’immondizia, come un qualsiasi rifiuto. E da qui i prodotti elettronici finiscono nelle discariche, liberando pericolosi e tossici veleni. Un vero disastro ambientale.

LEGGI ANCHE: Riciclo dei cellulari usati

CAMBIAMO SMARTPHONE OGNI DUE ANNI –

Il fenomeno non è molto noto alle cronache, ma le sue dimensioni sono impressionanti. Basti pensare che soltanto nell’ultimo anno, il 2014, in Italia sono stati venduti 15,6 milioni di smartphone nuovi, che in gran parte hanno sostituito i modelli vecchi. Grazie all’evoluzione della tecnologia, e alla continua novità di funzioni e applicazioni, il consumatore è portato, in media, a sostituire questi apparecchi ogni due anni.

BATTERIE AL LITIO –

E qui nasce il problema. In particolare gli apparecchi come i cellulari e gli smartphone contengono le famose batterie al litio (le stesse che vengono utilizzate per le auto elettriche e per le ibride di ultima generazione), che rappresentano il vero pericolo per l’ambiente, la vera bomba ecologica. E nell’ultimo decennio l’uso delle batterie al litio è decuplicato, con effetti a catena sull’inquinamento.
Anche la ricerca si sta muovendo per evitare questo enorme spreco e consentire un totale recupero e riciclo delle batterie, il cui elemento base è altamente infiammabile in particolar modo in presenza di acqua. Il Consiglio nazionale per le ricerche sta studiando un sistema per rendere ecosostenibile ed efficiente il riciclo e il trattamento delle batterie al litio, per poi tradurlo e realizzarlo su scala industriale. Sarebbe la svolta per i produttori di smartphone e di cellulari e per gli stessi consumatori. Il Cnr ha promesso di individuare una soluzione entro i prossimi due anni. Intanto, possiamo fare una cosa molto semplice quando dobbiamo sostituire smartphone e cellulari: darli al rivenditore, che saprà poi come liberarsene in modo corretto. Un metodo, tra l’altro, previsto per legge.

PER APPROFONDIRE: Ritiro cellulari usati