Questo sito contribuisce all'audience di

Come si usano gli antibiotici: le 10 regole per non sprecarli e per renderli efficaci

Gli antibiotici sono tra i farmaci maggiormente utilizzati dagli italiani: c’è chi li prende addirittura come se si trattasse di una semplice aspirina. Si tratta invece di medicine che andrebbero usate con una certa cautela e non come farmaci di automedicazione.

Come si usano gli antibiotici: le 10 regole per non sprecarli e per renderli efficaci
Come si usano gli antibiotici nel modo corretto
di
Condivisioni

COME SI USANO GLI ANTIBIOTICI –

L’Italia è uno dei paesi europei con la più elevata resistenza agli antibiotici: si calcolano ben 5mila morti l’anno a causa della resistenza dei superbatteri agli antibiotici. E questo anche per il fatto anche ne acquistiamo, ne usiamo e ne sprechiamo troppi.

Un problema, quello della resistenza agli antibiotici, tornato di attualità in seguito all’individuazione, negli Stati Uniti, del primo caso di “batterio” resistente a tutti gli antibiotici, difficile da contrastare anche con i medicinali di ultima generazione.

Una delle cause principali della resistenza va rintracciata negli allevamenti intensivi dove finisce il 70 per cento degli antibiotici prodotti nel mondo. In particolare, l’Unione Europea ha analizzato gli intestini degli avicoli al macello e ha rinvenuto percentuali elevate di batteri resistenti, batteri che poi finiscono direttamente nel nostro piatto dal momento che le linee di macellazione non proteggono del tutto dalla contaminazione.

C’è una tendenza nelle nostre case a utilizzare l’antibiotico anche quando non serve. È un errore grave, che può produrre effetti collaterali molto pesanti. Febbre, raffreddore e tosse sono malesseri che, salvo complicazioni, in genere si risolvono nel giro di pochi giorni anche senza abusare di farmaci e antibiotici vari.

USO SCORRETTO DEGLI ANTIBIOTICI –

Spesso prescritti in maniera del tutto inappropriata, gli antibiotici sono tra i farmaci più utilizzati dagli italiani: c’è chi li prende addirittura come se si trattasse di una semplice aspirina e a volte anche senza richiedere il parere del medico.

LEGGI ANCHE: Antibiotici sempre più inefficaci, 10 milioni di morti entro il 2050

COSA SONO GLI ANTIBIOTICI  E COME UTILIZZARLI CORRETTAMENTE –

Se ne fa quindi un uso spropositato quando in realtà si tratta di farmaci che andrebbero usati con una certa cautela e non come medicinali di automedicazione. Ecco quindi alcuni consigli utili su come utilizzare al meglio gli antibiotici:

  • Gli antibiotici non sono tutti uguali, non agiscono sugli stessi batteri e differiscono tra loro in dosi, modalità di assunzione e durata della terapia. Un motivo in più per non assumerne mai da soli, o sulla base di un semplice “passaparola”.
  • Una volta iniziata, la terapia antibiotica deve essere portata a termine se non si vogliono rischiare ricadute o complicazioni gravi. La durata di una cura a base di antibiotici è molto variabile e in genere dipende dalla tipologia di farmaco: esistono formulazioni che vanno somministrate per periodi di 15 giorni, altre sono efficaci invece con una cura di 3 giorni. Il fatto che la febbre sia passata o che il bambino stia meglio non significa che è possibile sospendere la cura perché potrebbe succedere che i batteri responsabili dell’infezione vengano debellati solo in parte consentendo alla malattia di progredire invece di sparire.
  • Tra gli effetti collaterali ci sono diarrea, gonfiore e crampi addominali, candidosi vaginale, mughetto, stomatiti, afte e debolezza generale. Per evitarli, consultatevi con il medico che vi ha prescritto il medicinale per avere qualche forma di protezione.
  • Anche gli antibiotici, nonostante siano farmaci salvavita, possono provocare effetti collaterali. Perché? Per il fatto che oltre ad uccidere i batteri patogeni, attaccano anche la flora batterica intestinale e vaginale benigna che ne regola il corretto funzionamento.
  • Devono essere prescritti dal medico e somministrati secondo le sue indicazioni. È molto importante rispettare gli intervalli di tempo tra un’assunzione e l’altra.
  • Una volta chiarito che l’uso di antibiotici in caso di influenza e raffreddore è assolutamente inutile, tenete conto che la loro assunzione è appropriata solo in caso di infezioni batteriche, che condividono alcuni sintomi con quelle virali e pertanto possono essere diagnostiche solo dal medico e dal pediatra.
  • Innanzitutto è bene sapere che gli antibiotici sono sostanze naturali e sintetiche che combattono le infezioni causate dai batteri. Questo significa che sono del tutto inefficaci per curare le infezioni virali come febbre, raffreddore, tosse, bronchite e faringite. L’impiego scorretto degli antibiotici è una delle cause della cosiddetta “resistenza batterica”: in pratica, i batteri imparano a neutralizzare l’antibiotico che diventa così inutile.
  • In caso di problemi, non cambiate spontaneamente l’antibiotico ma contattate subito il vostro medico.
  • Se avete già il farmaco in casa, ricordate di controllare bene la scadenza prima di utilizzarlo.
  • Tra i danni provocati dall’uso scorretto degli antibiotici non bisogna sottovalutare il rischio di creare così super batteri che possono esporre noi e i nostri figli a patologie non più curabili con i farmaci attualmente a disposizione.

PER SAPERNE DI PIU’: Antibiotici, ne consumiamo troppi e così diventano del tutto inutili

LEGGI ANCHE:

Ultime Notizie: