Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Risparmio energetico: una famiglia su due ha investito per ridurre i costi delle bollette

Le maggiori spese per sostituire l’illuminazione, con l’ingresso nelle case delle lampadine led. Spendiamo, in media, 1.635 euro l’anno a famiglia e il riscaldamento è acceso per otto ore. Troppe.

Condivisioni

COME RIDURRE I COSTI DELLE BOLLETTE ENERGETICHE E RISPARMIARE –

Più della metà degli italiani, il 54,1 per cento delle nostre famiglie, hanno fatto spese per ridurre i consumi  energetici. Per risparmiare. Come? Innanzitutto attraverso il cambio dell’illuminazione e con l’introduzione delle nuove lampadine con la tecnologia Led, più costose, ma più efficaci, più durature e, a conti fatti, meno dispendiose di quelle tradizionali. Poi le famiglie, una su quattro, sono intervenute per modernizzare impianti di riscaldamento e di raffreddamento delle abitazioni, sfruttando anche i vantaggi della detrazioni fiscali. E anche i costi si sono notevolmente abbassati: basti pensare che un impianto a gasolio costa, mediamente, una spesa annuale di circa 1.400, a fronte di meno di 500 euro che bisogna mettere nel budget domestico se si dispone di un impianto a biomasse.

LEGGI ANCHE: Milano città più smart d’Italia, tutti i lampioni led entro il 2015

LA SPESA SOSTENUTA OGNI ANNO DALLE FAMIGLIE ITALIANE –

L’Istat, nel suo rapporto annuale sui consumi energetici delle famiglie, ha fatto anche il conto della bolletta media per ogni famiglia: 1.635 euro l’anno. Ancora troppo alta. Con una forte differenziazione geografica tra Nord e Sud: nelle regioni settentrionali, infatti, il conto della bolletta energetica è più salato, rispetto alle regioni meridionali, di circa un terzo.

ELIMINARE GLI SPRECHI PER RIDURRE I COSTI IN BOLLETTA –

Infine, dall’Istituto di statistica arriva una raccomandazione a ridurre gli sprechi nei consumi energetici. Per esempio, durante l’attuale stagione, per il riscaldamento. I nostri impianti sono accesi, in media, otto ore al giorno. E considerando anche che le temperature esterne in media si sono notevolmente alzate, otto ore sono veramente tante. Più di quello che serve: dunque gli spazi per ulteriori risparmi non mancano.

PER APPROFONDIRE: Dispositivi elettronici, 80 miliardi all’anno sprecati a causa degli sprechi energetici