Questo sito contribuisce all'audience di

Come proteggere gli animali dal caldo e dallo sforzo eccessivo. Tutto in 10 mosse

Evitare di farli uscire nelle ore più calde, bagnare spesso muso e zampe e non lasciarli mai solo in auto sono le soluzioni migliori per proteggere gli animali dal caldo. Se invece sbavano e sono eccessivamente irascibili? Avranno subito un colpo di calore: rinfreschiamoli e corriamo dal veterinario.

Come proteggere gli animali dal caldo e dallo sforzo eccessivo. Tutto in 10 mosse
Come proteggere gli animali dal caldo
di
Condivisioni

COME PROTEGGERE GLI ANIMALI DAL CALDO -

Il caldo, specie se imprevisto, può creare seri problemi agli animali domestici. Cani, gatti e conigli, innanzitutto, cioè i tre animali che, nell’ordine, fanno più compagnia in Italia a uomini e donne, come tutti noi, soffrono il caldo durante l’estate. Anzi, possono avere anche meno mezzi di auto-difesa, specie se li trascuriamo e non ci rendiamo conto dei loro problemi. Non è facile capire la sofferenza dei cani, per esempio, visto che non sudano e possono abbassare la temperatura soltanto attraverso una migliore ventilazione con la bocca aperta.Per quanto ci riguarda, sappiamo bene che per proteggerci dal caldo possiamo bere molta acqua, dobbiamo evitare di uscire nelle ore più calde della giornata e dobbiamo usare creme solari, cappellini e occhiali per proteggerci dal sole, ma come possiamo proteggere dal caldo i nostri amici a quattro zampe?

LEGGI ANCHE: Cibi per cani e gatti, ecco quali evitare. A partire da cioccolata e uova crude

come proteggere animali caldo

COME PROTEGGERE GLI ANIMALI DAL CALDO DURANTE L’ESTATE -

Dunque: attenzione al caldo e agli sforzi eccessivi che alzano le temperature del corpo degli animali domestici.  Ecco 10 mosse, molto semplici ma efficaci, per evitare inutili tormenti ai nostri compagni di vita:

  • Come proteggere cani e gatti dai colpi di calore. Quando portiamo il cane a passeggio, anche per i suoi bisogni, evitiamo sempre le ore più calde. Questo specialmente per i cani a pelo lungo. Meglio quindi uscire con loro in orario pomeridiano o di mattina presto. Se invece notiamo che il nostro animale sbava, ansima eccessivamente o è troppo  irrequieto, vuol dire che ha subito un colpo di calore ed  è in ipotermia. Bisogna quindi portarlo al fresco, bagnargli orecchie e zampe con acqua, mettergli acqua da bere a disposizione e portarlo dal veterinario.
  • Non fateli sforzare troppo. Pur di starci dietro, un cane affettuoso potrebbe andare ovunque. E sforzarsi oltre il necessario. Cerchiamo di stare attenti a un segnale chiarissimo dello sforzo eccessivo: quando il cane respira molto più rapidamente del solito, con ritmi affannati e bocca spalancata, e sbava in modo esagerato.
  • Come proteggere cani e gatti dal caldo. Per abbassare la temperatura,rinfreschiamo poi il nostro animale, bagnandogli spesso muso, zampe e schiena, cioè le parti più esposte ai raggi del sole. Usiamo un vecchio asciugamano, e ricordiamo che un abbassamento eccessivo della temperatura può causare gravi danni al vostro animale. Ci ringrazierà.

proteggere cani e gatti dal caldo

  • Mai acqua gelata. Se decidiamo di bagnare il cane, l’acqua, di rubinetto, deve essere a temperatura ambiente e mai ghiacciata. Stesso discorso vale con la ciotola di acqua da bere, mai gelata.
  • Casa, dolce casa. Quando siamo in casa, durante le ore più calde, manteniamo le tende chiuse o le tapparelle abbassate e, se accendiamo il ventilatore, orientiamolo verso l’alto e mai verso il nostro animale domestico in modo da non causargli un eventuale raffreddore.
  • L’importanza del pelo. Controlliamo periodicamente il pelo dei nostri amici a quattro zampe per assicurarci che non siano stati attaccati da pulci e zecche e utilizziamo un adeguato antiparassitario: ricordiamo, in particolar modo, di applicarlo già a partire da aprile-maggio. In alternativa, esistono anche i rimedi naturali per proteggere cani e gatti dai parassiti. Se cani e gatti hanno una pelliccia troppo folta, si può pensare poi di sfoltirla, senza esagerare, altrimenti danneggeremo l’animale invece di aiutarlo.
  • Quando serve il veterinario.  Non siamo avari con i nostri animali domestici. Quando è necessario, per esempio quando i sintomi del malessere che abbiamo descritto sono evidenti, è preferibile rivolgersi al veterinario per decidere con lui le opportune contromisure.
  • Il gatto a caccia del fresco. Per i gatti, è tutto molto più facile, visto che si tratta di animali abilissimi nel cercare e trovare il fresco e il posto migliore per non essere tormentati dal caldo. La cosa fondamentale, però, per i gatti, come per i cani, è che ci sia a loro disposizione, sempre, un luogo fresco dove ripararsi.Evitiamo poi di lasciare gli animali soli in auto, anche se al fresco.
  • Il gatto in trappola. Una cosa che bisogna evitare, per i gatti, è che con la loro agilità finiscano per ficcarsi in ambienti piccoli, troppo piccoli. Per questo è bene lasciare sempre libero l’accesso al loro posto preferito.
  • I conigli nella tana. Per proteggere i conigli dal caldo, la soluzione è semplice: creare per loro un ambiente favorevole, simile appunto a una tana. Dove si possano sentire sicuri e al fresco.

CANI E GATTI: TUTTI I CONSIGLI PER CRESCERLI E NON SBAGLIARE

LEGGI ANCHE:

Ultime Notizie:

Il valore dell'onestà non è solo una questione di soldi o di cervello. Ecco perché dilaga la corruzione

Il valore dell’onestà non è solo una questione di soldi o di cervello. Ecco perché dilaga la corruzione

Gli scienziati anglosassoni avvisano: la capacità di imbrogliare ha le sue radici nel cervello. Sarà anche vero, ma sul dilagare della corruzione, del non rispetto di regole e leggi e del malaffare in Italia, uno spreco enorme per il Paese, contano altri fattori, più che la nostra materia grigia. A partire dalla perdita di senso della parola onestà e del suo contrario, disonestà.

continua »