Questo sito contribuisce alla audience di

Riciclo creativo: come fare l’albero di Pasqua con le uova dipinte

L'albero di Pasqua è un modo originale per decorare la casa. Nonno Carlo ci insegna come farlo in maniera allegra, divertente e non sprecona, con i più piccoli.

Riciclo creativo: come fare l'albero di Pasqua con le uova dipinte
Come fare l'albero di Pasqua
di
Condivisioni

COME FARE L’ALBERO DI PASQUA -

Manca davvero poco al giorno di Pasqua: decoriamo la nostra casa con questo allegro alberello. Nonno Carlo ci spiega come realizzarlo. L’albero di Pasqua non rientra nella tradizione italiana ma è un’idea originale e decorativa a costo zero. Si può andare con i bimbi a raccogliere rami e fiori per abbellire la casa e poi dipingere le uova con i soggetti che preferiamo.

LEGGI ANCHE: La ricetta dei biscotti di Pasqua da decorare insieme ai bambini

  • Disegnate e ritagliate la sagoma di un alberello e la base d’appoggio (usando del cartone resistente o del legno di recupero) quindi dipingetelo di motivi primaverili, servendovi dei colori ad acqua. Preparate le uova da appendere dipingendole con i vostri paesaggi preferiti o secondo la propria fantasia, utilizzando questa volta dei colori acrilici.
  • Preparateli con un fondo bianco e (appena asciutti) metà verde e metà azzurro, quindi proseguite il dipinto, servendovi di un pennello medio e di uno stecchino per disegnare i particolari più piccoli.
  • Per appendere l’uovo fate passare tra i due buchini (sotto e sopra) un pezzetto di nastro rasato e le puntine.

albero di Pasqua di nonno Carlo

(Nella foto, l’alberello con i paesaggi preferiti da Nonno Carlo: il trenino di San Moritz, la festa di palloncini, i girasoli maremmani, son tornate le rondini, l’eremo di S. Caterina, paesaggio di fiori. Buon divertimento!)

PER APPROFONDIRE: Lavoretti di Pasqua con materiali di recupero

LEGGI ANCHE:

Ultime Notizie:

Test su emissioni auto, il grande bluff italiano

Test su emissioni auto, il grande bluff italiano

Dovevano essere mille, secondo l’annuncio in pompa magna televisiva del ministro Graziano Del Rio nel lontano 2015. In realtà ne sono stati fatti appena 25. Colpa della burocrazia, probabilmente, ma anche di ministri che fanno annunci e promesse. E poi non sanno come mantenerle.

continua »