Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Come aiutare i migranti attraverso il web. I siti e le associazioni di riferimento

Aiutare concretamente i profughi in difficoltà attraverso donazioni o azioni di volontariato: ecco un elenco delle organizzazioni alle quali rivolgersi per contribuire in maniera reale e sicura

Condivisioni

COME AIUTARE I MIGRANTI –

Molti si chiedono come dare il proprio contributo all’emergenza profughi in maniera reale sicura. Attraverso il web si trovano tante diverse maniere per aiutare i migranti attraverso assistenza, volontariato o donazioni in denaro. Eccone alcune tra le più importanti organizzazioni alle iniziative delle quali si può contribuire concretamente.

  • Per aiutare i bambini siriani rifugiati in Egitto potete fare una donazione a Plan Italia, che agisce per permettere a questi piccoli di non rischiaer la vita per raggiungere l’Europa via mare.
  • In Italia è possibile donare dei soldi ai rifugiati siriani anche sul sito della sezione italiana dell’UNHCR (l’Alto Commissariato dell’Onu per i rifugiati).
  • Potete sostenere gli ambulari di Emergency presenti in tutt’Italia, dove viene fornita assistenza medica ai migranti e dove è anche possibile prestare opera di volontariato.
  • Il Consiglio italiano per i rifugiati raccoglie donazioni in denaro che impiega in attività di assistenza ai rifugiati, nel ricongiungimento famigliare e nella promozione del diritto di asilo.
  • La Caritas ha lanciato per il terzo anno consecutivo l’iniziativa “Rifugiato a casa mia”. Se volete candidarvi per ospitare uno dei profughi, potete rivolgervi a una della circa 20 Caritas diocesane che hanno dato la disponibilità a partecipare al progetto.
  • Il Migrant Offshore Aid Station (MOAS) si occupa direttamente di salvare e soccorrere i migranti in mare. Potete aiutare questa organizzazione tramite donazioni.

LEGGI ANCHE: Barikamà, la cooperativa del riciclo e dell’inclusione sociale