Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Anna Kowalska, l’insegnante polacca che pulisce da sola le spiagge di Cagliari. E con i social invita il popolo web a fare come lei (foto e video)

Questa giovane donna, dopo aver sperimentato che erano in tanti i conoscenti e gli amici disposti a rimboccarsi le maniche per pulire le coste della Sardegna, ha cominciato a documentare la sua attività in rete creando un interessante circolo virtuoso

Condivisioni

CLEAN COAST SARDINIA

Da sola, senza chiedere il permesso a nessuno, Anna Kowalska, scopa e cestino in mano, si è messa a pulire spiagge a Poetto, nel golfo di Cagliari. Plastica, mozziconi di sigarette, fazzoletti di carta. Di tutto. Ma la mossa più intelligente della donna, un’insegnante di inglese di origine polacca, è stata quella di mettere tutto sui social, per coinvolgere anche altre persone, e fare diventare il suo gesto virale e contagioso. 

Anna ha deciso, infatti, di condividere il suo impegno e di dargli un nome: “Clean coast Sardinia”, che in italiano significa “pulire le coste della Sardegna”. Con questo slogan ha chiamato un sito internet, una pagina Facebook e un profilo Instagram, attraverso i quali sprona tutti coloro in cui si imbatte a preservare il mare, uno dei patrimoni più invidiati della Sardegna. Con il tempo i seguaci della sua iniziativa si sono moltiplicati e in poco tempo sono aumentati anche i gesti di emulazione in una vera e propria corsa “a chi pulisce di più”.

LEGGI ANCHE: Vigili in spiaggia, reclutati con il crowdfunding. Contro gli abusivi e per fermare chi insozza il mare

PULIRE LE SPIAGGE

Quella di Anna è una “missione” che parte da lontano. Questa giovane donna non è nata nell’isola e viene dalla Polonia. Delle sue spiagge, però, si è innamorata sin dal 2014, quando è arrivata a Sassari per insegnare inglese a scuola. Da allora ogni volta che va al mare in borsa infila un sacchetto e un guanto che è sempre pronta a tirare fuori per raccogliere i rifiuti in cui si imbatte. Con il passare del tempo ha cominciato a coinvolgere amici e altri conoscenti nella sua attività e ha scoperto che sono tantissimi i benintenzionati disposti a rimboccarsi le maniche per preservare le coste della Sardegna.

ANNA KOWALSKA

Così è sbarcata in rete perseguendo un principio semplice: far diventare la raccolta un circolo virtuoso sempre più esteso. Impresa nella quale la aiutano i tanti follower con condivisioni e nuove foto che testimoniano un impegno nel raccogliere rifiuti, che ormai non si limita più solo alla Sardegna, ma che si è esteso  a tante altre parti del mondo. 

Le foto di copertina è tratta da un’intervista pubblicata su Facebook da Casteddu Online, mentre le immagini presenti nell’articolo provengono dai profili di Clean coast sardinia

STORIE DI CITTADINI GENEROSI CHE PULISCONO MARE E SPIAGGE 

Sigarette in spiaggia, così Paola ogni giorno raccoglie migliaia di cicche. Imitiamola!

Il pensionato Ulisse sulla spiaggia in Sardegna: blocca gli incivili e raccoglie i rifiuti (foto e video)

La bella iniziativa di un pensionato siciliano per liberare la spiaggia dai mozziconi di sigaretta

Divieto di fumo in spiaggia in Francia e Corsica. E in Italia, è Bibione il primo litorale smoke free