Questo sito contribuisce all'audience di

Circle, lo strumento per limitare la nostra dipendenza dalla tecnologia

Questo piccolo cubo controlla e, all’occorrenza, blocca tutti gli apparati elettronici della casa. Di proprietà della Disney ci permette di utilizzare questi strumenti nel modo giusto senza esagerare e preservando i momenti sacri come quando si è a tavola tutti insieme

Circle, lo strumento per limitare la nostra dipendenza dalla tecnologia
di
Condivisioni

CIRCLE –

Viviamo in un epoca in cui è sempre più difficile privarci delle nostre appendici tecnologiche. Lo smartphone, il computer, il tablet sono entrati prepotentemente a far parte della nostra vita, tanto che alle volte rischiano di distrarci e di creare una vera e propria dipendenza. Sono sempre di più gli studi scientifici che mettono in guardia sull’uso sconsiderato di questi strumenti che possono essere particolarmente pericolosi nei più piccoli. Per correre ai ripari abbiamo bisogno di una sana “dieta tecnologica” che ci impedisca di esagerare e di far diventare dannoso uno strumento che di per sé nasce per agevolarci la vita. Un buon modo per mettere i famosi “paletti” arriva proprio dal mondo del tech e si tratta del dispositivo Circle, che ha preso vita come una startup ed è decollato definitivamente grazie a Disney che ne ha deciso di finanziare il progetto. Si tratta di un piccolo cubo bianco che si collega alla rete internet della casa attraverso il wi-fi e ci aiuta a regolare le abitudini digitali della famiglia.

LEGGI ANCHE: Bambini e smartphone, i 10 rischi da evitare per un rapporto sano con la tecnologia

LIMITARE USO TECNOLOGIA –

Circle si può utilizzare attraverso un’applicazione per smartphone o tablet. Una volta istallata possiamo creare dei profili specifici, uno per ogni componente della famiglia, che ci permettono di prevedere dei limiti di tempo per l’utilizzo delle applicazioni dei nostri dispositivi elettronici. Se sforiamo il tempo prestabilito il cubo interviene direttamente sulla connessione dell’app in questione (un gioco online, Facebook o le piattaforme per vedere i film come Netflix o Nowtv) mettendoci in modalità offline.

USO CORRETTA DELLA TECNOLOGIA –

In questo modo, ad esempio, si può decidere di non far usare i social network ai propri figli per non più di un’ora al giorno, o impedire alla propria moglie o al proprio marito di controllarle la casella postale oltre un orario prestabilito. Grazie a Circle si possono anche impostare delle semplici “pause dalla tecnologia” durante i pasti in modo da poter mangiare senza essere disturbati. Infine il dispositivo vi permette di monitorare l’utilizzo di questi strumenti da parte dei vostri figli in modo da poter essere sempre vigili sulle loro abitudini e aiutarli a non correre rischi sul web. Circle al momento non è distribuito in Italia ma si può comodamente acquistare su internet e, tutto sommato, potrebbe essere un buon investimento per correggere l’uso scorretto che molti di noi fanno della tecnologia.

La foto di copertina è tratta dalla pagina Facebook di Circle

PER APPROFONDIRE: Tecnologia e sonno: allerta insonnia per chi utilizza smartphone e tablet prima di dormire

Ultime Notizie:

Edizioni Precarie, il progetto che recupera le tradizioni artigianali siciliane e combatte gli sprechi

Edizioni Precarie, il progetto che recupera le tradizioni artigianali siciliane e combatte gli sprechi

Le carte alimentari da imballaggio utilizzate dai venditori dei mercati Ballarò, Vucciria e Il Capo, si trasformano in originali quaderni e carte da scrittura: un modo per portare avanti la tradizione di questi luoghi così importanti e, allo stesso tempo, combattere lo spreco di questo materiale, spesso gettato via perché vecchio o rovinato o semplicemente perché già utilizzato.

continua »